Soprintendenza Campania a Salerno, guerra tra De Magistris e Franceschini

(AGI) - Napoli - Il sindaco di Napoli, Luigi deMagistris, in una nota ha stigmatizzato come "scellerata esenza senso" la riorganizzazione  [...]

(AGI) - Napoli, 15 dic. - Il sindaco di Napoli, Luigi deMagistris, in una nota ha stigmatizzato come "scellerata esenza senso" la riorganizzazione delle soprintendenze sulterritorio nazionale, che in Campania porta quella regionale adavere sede a Salerno, "un attacco a Napoli". "Ho letto dellefrasi un po' forti del sindaco - gli risponde a stretto giro,parlando con i cronisti a margine di una iniziativa a Napoli,il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini - lui e'abituato a usare frasi forti che sembrano molto fuori luogo. Intutta Italia, obbligati dalle norme della spending reviewabbiamo prodotto la regola che ci sia una sola sovrintendenzaarcheologica per ogni regione". Soprintendenza unica quindi"non solo in Campania ma in tutta l'Italia", ribadisce ilministro. "La Campania oltre alla soprintendenza archeologicaregionale ha anche la speciale di Pompei ed Ercolano - ricorda- e due soprintendenze archeologiche, una a Salerno una aNapoli. Quella di Salerno aveva piu' personale, Napoli conservala sede del Polo regionale museale, della soprintendenza BelleArti, del segretariato regionale dei Beni culturali, dellasoprintendenza Archivistica. Quindi per una ragione di costi edequilibri, si e' deciso che quella sede sia a Salerno. Tuttocio' non comportera' disagi: a Napoli restera' una sedestaccata e la sede legale a Salerno". (AGI).