Papa:"E' un'ingiustizia, insegnanti sono malpagati".

(AGI) - CdV, 14 mar. - "Insegnare e' un lavoro bellissimo,peccato che gli insegnanti sono malpagati: e' una ingiustizia".Lo ha detto Papa Francesco interrompendo il discorso che stavaleggendo all'Unione Cattolica Insegnanti Medi. "Non e' solo -ha spiegato - il tempo che spendono per fare scuola: debbonoprepararsi". "Nel mio Paese, che e' quello che conosco meglio,i poveri insegnanti - ha aggiunto - per avere uno stipendio chesia utile debbono fare due turni. E mi chiedo: un insegnantecome finisce dopo due turni?". La scuola non deve respingere"gli studenti 'difficili', quelli che non vogliono

(AGI) - CdV, 14 mar. - "Insegnare e' un lavoro bellissimo,peccato che gli insegnanti sono malpagati: e' una ingiustizia".Lo ha detto Papa Francesco interrompendo il discorso che stavaleggendo all'Unione Cattolica Insegnanti Medi. "Non e' solo -ha spiegato - il tempo che spendono per fare scuola: debbonoprepararsi". "Nel mio Paese, che e' quello che conosco meglio,i poveri insegnanti - ha aggiunto - per avere uno stipendio chesia utile debbono fare due turni. E mi chiedo: un insegnantecome finisce dopo due turni?". La scuola non deve respingere"gli studenti 'difficili', quelli che non vogliono studiare,quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili egli stranieri, che oggi sono una grande sfida". Lo ha chiestoPapa Francesco. "Gesu' direbbe: se amate solo quelliche studiano, che sono ben educati, che merito avete? Qualsiasiinsegnante si trova bene con questi studenti", ha detto agliinsegnanti cattolici, ricordando loro "il dovere di amare conmaggiore intensita' gli allievi piu' difficili, piu' deboli,piu' svantaggiati". "A voi - ha spiegato - chiedo di amare dipiu' gli studenti difficili". "Cari colleghi e colleghe". PapaFrancesco si e' rivolto con queste parole agli insegnaticattolici dell'Uciim, ricevuti in Vaticano in occasioen del70esimo anniversario di fondazione. "Permettetemi di chiamarvicosi', perche' - ha spiegato - anch'io sono stato insegnantecome voi e conservo un bel ricordo delle giornate passate inaula con gli studenti". "Insegnare - ha aggiunto rivolto aisoci dell'Uciim - e' un lavoro bellissimo, anche se sietemalpagati, perche' consente di veder crescere giorno dopogiorno le persone che sono affidate alla nostra cura. E' un po'come essere genitori, almeno spiritualmente". .