PA: lunedi sciopero lavoratori Cisl per contratto e riforma

(AGI) - Roma, 29 nov. - Sciopero delle sei categorie del lavoropubblico Cisl lunedi' prossimo. Lo stop, proclamato perl'intera giornata, interessera' sia i lavoratori pubblici(dalla sanita' alla scuola, dalle amministrazioni locali,all'universita') sia i lavoratori privati che lavorano per iservizi pubblici. Saranno organizzati presidi su tutto ilterritorio, davanti prefetture, asl, municipi. A Roma laprotesta si raccogliera' a piazza Monte Citorio, dove e'prevista anche la partecipazione del segretario generale dellaCisl, Annamaria Furlan. Per l'occasione, gli organizzatorihanno coniato l'hashtag-slogan #ioscioperoperilcontratto. La mobilitazione punta "al rinnovo del contratto e ad una vera riforma della

(AGI) - Roma, 29 nov. - Sciopero delle sei categorie del lavoropubblico Cisl lunedi' prossimo. Lo stop, proclamato perl'intera giornata, interessera' sia i lavoratori pubblici(dalla sanita' alla scuola, dalle amministrazioni locali,all'universita') sia i lavoratori privati che lavorano per iservizi pubblici. Saranno organizzati presidi su tutto ilterritorio, davanti prefetture, asl, municipi. A Roma laprotesta si raccogliera' a piazza Monte Citorio, dove e'prevista anche la partecipazione del segretario generale dellaCisl, Annamaria Furlan. Per l'occasione, gli organizzatorihanno coniato l'hashtag-slogan #ioscioperoperilcontratto. La mobilitazione punta "al rinnovo del contratto e ad una vera riforma della Pa". A scendere in piazza saranno anche adipendenti delle province che aderiscono alla Cisl che oggidefiniscono l'emendamento alla legge di stabilita' chel'esecutivo si appresterebbe a presentare sulle province"un'altra prova dell'incapacita' del governo e degliamministratori locali". E' inaccettabile parlare di esuberiquando il percorso di ridisegno degli enti di area vasta e'colpevolmente lasciato a meta' dal governo e rischia dirisolvesi solo in uno svuotamento di funzioni chepenalizzerebbe lavoratori e cittadini", e' il commento dellaCisl Fp al. "Nessun passo avanti sul riassetto delle funzioni,nessun progetto per la costruzione di reti territoriali diservizi e nessuna considerazione per le tante professionalita'che servono ad assicurare scuole agibili, mobilita' efficientee soprattutto servizi all'impiego per contrastare unadisoccupazione ai massimi storici" incalza la Cisl Fp. "Sulleprovince abbiamo firmato con governo, comuni e regioni unimpegno preciso. Se ministri, governatori e sindaci pensano dionorare i patti con l'ennesimo pasticcio, si sbagliano digrosso". "Lunedi' i dipendenti delle province saranno in tuttele piazze d'Italia per scioperare insieme alla Cisl controquesto modo inaccettabile di trattare i lavoratori e di servireil paese", rimarca la federazione del pubblico impiego che perla prima volta insieme alle altre categorie dei settoripubblici Cisl, scioperera' il 1° dicembre. "Con tutti ilavoratori dei servizi pubblici chiederemo il rinnovo di uncontratto scaduto da cinque anni e inchioderemo i governinazionale e locali alle responsabilita' di una riforma che,cosi' com'e', e' solo spot elettorale. Noi non ci stiamo. Esiamo pronti a continuare la battaglia finche' non avremorisposte". .