Il movente del delitto di Biella non sono i soldi

Il movente del delitto di Biella non sono i soldi

Un ragazzo ha ucciso il fratello della fidanzata. Secondo gli inquirenti, sarebbe successo al culmine di una lite tra fratello e sorella, gestori di una pasticceria

ragazzo ucciso fratello fidanzata bar Biella

© Agf - Aggressione con il coltello

AGI - Il movente dell'omicidio di Biella, nel quale un 22enne ha accoltellato a morte in strada un 30enne, fratello della sua fidanzata, non p legato a questioni economiche. Lo ha precisato il procuratore, Teresa Angela Camelio, che, con il pm Paola Francesca Ranieri, coordina le indagini.

L'ipotesi era che le tensioni familiari che sono poi sfociate nel delitto fossero generate da richieste di denaro da parte della vittima, Andrea Maiolo. Intanto è prevista per il pomeriggio l'udienza di convalida dell'arresto. La salma della vittima è stata messa a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per l'autopsia. 

Saranno probabilmente le immagini delle telecamere di sorveglianza a dare alla Polizia gli elementi necessari per ricostruire quanto è accaduto all'interno del bar pasticceria "Le tre A" di via Macallé, a Biella. 

Nel locale di fronte allo stadio "Lamarmora" si è consumato l'omicidio di Andrea Maiolo, 30 anni, residente a Biella, accoltellato a morte da Gregory Gucchio, 22 anni, dipendente della pasticceria, legato sentimentalmente ad Alessia, la sorella della vittima, che gestisce la pasticceria di famiglia, dopo la morte della mamma Liliana.

Secondo le ricostruzioni degli investigatori, l'uccisione di Maiolo sarebbe maturata al culmine di un litigio tra la vittima e la sorella, lite nella quale sarebbe intervenuto Gucchio, che alla fine, in un accesso d'ira, avrebbe vibrato la coltellata fatale. Una lite del tutto simile era accaduta il giorno precedente, sedata dai vigili urbani, intervenuti dopo una segnalazione. Durante l'ennesima discussione, Gregory, per difendere la fidanzata, ha impugnato un coltello preso dal bancone del locale e lo colpito all'addome il fratello della ragazza.

Durante la notte, sempore nel Biellese, c'è stato un altro episodio di violenza: intorno alla mezzanotte, in un bar di Andorno Micca, comune di 3 mila abitanti, è scoppiata una furibonda rissa. Secondo le prime informazioni raccolte, un 39enne è stato ferito in modo molto grave: soccorso dal personale del 118, è stato trasportato all'ospedale di Biella Ponderano in codice rosso.