Alcuni dati reali di efficacia dei vaccini anti Covid (su Nature)

Alcuni dati reali di efficacia dei vaccini anti Covid (su Nature)

Uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista rivela che o vaccini anti Covid a mRMA superano quelli di Johnson & Johnson e Novavax1 per livelli di anticorpi a sei mesi dalla somministrazione

dati reali efficacia vaccini covid nature

Somministrazione vaccini

AGI - I vaccini anti Covid a mRMA superano quelli di Johnson & Johnson e Novavax1, per livelli di anticorpi a sei mesi dalla somministrazione. A rilevarlo è uno studio condotto dall’ Institute for Immunology in California, pubblicato su Nature. I dati forniscono anche un quadro finemente dettagliato della protezione immunitaria offerta da ciascun vaccino, informazioni che potrebbero essere utili per progettare futuri vaccini.

"È un'analisi davvero interessante da parte di importanti immunologi che si basa su ciò che è stato mostrato in precedenza", afferma Robert Seder, immunologo presso l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland. Lo studio ha valutato i 4 vaccini utilizzando 14 parametri, inclusi i livelli di diversi tipi di cellule immunitarie come le cellule T e B, nonché le molecole immunitarie chiamate anticorpi neutralizzanti.

Tali indagini sono assolutamente necessarie per fronteggiare diluvio di vaccini Covid-19 nella pipeline di ricerca e sul mercato, afferma Shane Crotty, immunologo al La Jolla Institute for Immunology in California coautore dello studio. A differenza di molti precedenti confronti sui  vaccini, in questo studio i ricercatori hanno applicato le stesse tecniche a tutti i vaccini che hanno studiato.

I quattro vaccini esaminati da Crotty e dai suoi coautori si dividono in tre classi. I vaccini prodotti da Moderna e da Pfizer e BioNTech sono entrambi basati sull'RNA messaggero. Johnson & ha prodotto un vaccino "vettoriale virale" che utilizza un virus innocuo per fornire materiale genetico SARS-CoV-2 nelle cellule ospiti. Il vaccino prodotto da Novavax contiene frammenti della proteina spike SARS-CoV-2.

I livelli di anticorpi indotti da due dosi di vaccino mRNA di Pfizer o Moderna tendevano a diminuire sostanzialmente in sei mesi. Al contrario, i livelli di anticorpi del vaccino one-shot di J&J erano stabili o addirittura aumentati nel tempo. Ma i livelli di anticorpi misurati sei mesi dopo la vaccinazione con il vaccino J&J erano ancora inferiori a quelli osservati sei mesi dopo la vaccinazione con un vaccino mRNA.

Il regime a due colpi di Novavax ha indotto risposte anticorpali alla pari di quelle dei vaccini mRNA. Tuttavia, dopo il vaccino Novavax, i livelli di cellule T CD8+, che distruggono le cellule infette, erano da bassi a non rilevabili, mentre gli altri tre vaccini si sono comportati bene in questa metrica.

Questi risultati generalmente supportano i risultati di studi precedenti. Ma l'ultima ricerca offre un'analisi più ampia della risposta del sistema immunitario rispetto agli studi precedenti. "Questo non ha lo scopo di proclamare vincitori e vinti", afferma il coautore dello studio Alessandro Sette, immunologo a La Jolla. Invece, lo studio intende "fornire una valutazione completa delle diverse variabili", afferma.

Un avvertimento è che lo studio ha esaminato gli effetti del vaccino Novavax in sole 12 persone. Ha esaminato gli altri tre vaccini in 30 volontari ciascuno. Gli autori osservano che l'analisi considera gli effetti solo di un regime a due dosi dei vaccini mRNA. Non tiene conto della protezione fornita dai booster, perché gli autori hanno iniziato i lavori alla fine del 2020, prima che un terzo colpo fosse raccomandato dalle autorità sanitarie. Crotty, Sette e i loro colleghi stanno ora conducendo uno studio di aggiornamento dei dati.