Covid: scoperte rarissime sindromi con complicazioni neurologiche 

Covid: scoperte rarissime sindromi con complicazioni neurologiche 

Nuovo studio su contagiati e vaccinati che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca, rischio ictus da prima dose Pfizer

covid studionuove rare complicanze neurologiche con infezione 

© ANDREW BROOKES / CULTURA CREATIVE / CULTURA CREATIVE VIA AFP - Studio sul vaccino anti-Covid

AGI – Sono emersi nuovi rischi neurologici, anche se rari, dopo aver contratto il Covid o a seguito di vaccinazione. Un’analisi a livello nazionale su 32 milioni di adulti in Inghilterra dell’Università di Oxford ha rivelato un aumentato rischio delle rare condizioni neurologiche sindrome di Guillain-Barré e paralisi di Bell a seguito di una prima dose del vaccino Oxford-AstraZeneca.

Dall’analisi emerge anche un piccolo aumento del rischio di ictus emorragico dopo una prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech. La ricerca, pubblicata su Nature Medicine, ha anche scoperto un rischio sostanzialmente più elevato di condizioni neurologiche con il Covid, inclusa la sindrome di Guillain-Barré.

Gli autori sottolineano che le complicanze neurologiche associate ai vaccini Oxford-AstraZeneca e Pfizer-BioNTech sono rare e il rischio di disturbi neurologici a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2 è molto maggiore.

È bene ricordare, dicono gli autori, che i diversi vaccini approvati in vari Paesi hanno dimostrato di ridurre le infezioni, le trasmissioni, i ricoveri e i decessi da SARS-CoV-2. Tuttavia, sono state segnalate rare complicanze neurologiche associate all’infezione da SARS-CoV-2 e ai vaccini. 

Gli autori hanno scoperto che c’era un aumento del rischio di sindrome di Guillain-Barré nei 28 giorni successivi alla vaccinazione con il vaccino Oxford-AstraZeneca – si stima che 38 casi in eccesso per 10 milioni di persone vaccinate.

È stato anche notato un aumento del rischio di paralisi di Bell 15-21 giorni dopo la vaccinazione; tuttavia, questo rischio non è stato significativo durante l’intero periodo di studio di 28 giorni.

C’è stato anche un aumento del rischio di ictus emorragico entro 28 giorni dalla vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech, vale a dire circa 60 casi extra ogni 10 milioni di persone.

Nello stesso periodo di tempo a seguito di un test SARS-CoV-2 positivo, c’era un rischio sostanzialmente più elevato di tutti e sette gli esiti neurologici studiati, tra cui meningite e mielite di encefalite, disturbi miastenici e sindrome di Guillain-Barré – pari a 123, 163 e 145 casi in eccesso per 10 milioni di persone, rispettivamente.

Gli autori hanno replicato i loro risultati in una coorte nazionale indipendente di oltre tre milioni di persone dalla Scozia, che ha fornito supporto per l’associazione tra il vaccino Oxford-AstraZeneca e la sindrome di Guillain-Barré.

Gli autori anticipano che questi risultati sono fondamentali nelle valutazioni rischio-beneficio per i programmi vaccinali, nonché per il processo decisionale clinico e l’allocazione delle risorse per queste rare complicanze neurologiche.