"Per fermare il Covid bisogna stare a casa a Natale", dice Brusaferro

"Per fermare il Covid bisogna stare a casa a Natale", dice Brusaferro

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità spiega che l'obiettivo è arrivare a 5-6 mila casi al giorno

Brusaferro a casa a Natale per fermare l'epidemia Covid

© AGF - Silvio Brusaferro

AGI - Stare a casa Natale è "la nostra occasione per fermare l’epidemia". Lo sostiene il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, che in un’intervista a la Repubblica spiega che “il periodo natalizio è un’opportunità molto importante per abbassare ulteriormente la curva dei contagi.

L’obiettivo è arrivare a 50 casi per 100 mila abitanti in una settimana, circa 5-6 mila al giorno. Ora siamo poco sotto 200”. 

“Raggiunta quella soglia - aggiunge - potremo garantire in tutto il Paese il tracciamento sistematico per ciascun nuovo contagiato”. E garantisce: “Stiamo decrescendo costantemente, ma i numeri sono ancora troppo alti. Se riusciamo ad abbassare ancora la curva affronteremo il nuovo anno in modo più sicuro”. 
 

Brusaferro non si stanca di ribadire che “il messaggio è uno: dobbiamo stare il più possibile a casa con i nostri conviventi e limitare mobilità e aggregazioni. Siamo in fase di mitigazione e, per raggiungere l’obiettivo di abbattere i casi a 50 ogni 100 mila, sono necessarie misure sociali. Più i provvedimenti sono restrittivi, più il numero dei casi e l’Rt si riducono rapidamente, cosa per noi fondamentale oggi ma anche e soprattutto in prospettiva futura”.

Poi sottolinea che le festività sono pericolose perché “il Natale in Italia comporta da sempre grande mobilità e aggregazioni familiari e sociali tra persone che non vivono insieme. Purtroppo questi sono fattori di rischio per il virus e comportano un significativo aumento del rischio di trasmissione, ancor più partendo dal numero attuale di persone positive”.