La Lombardia diventa 'gialla', ecco cosa cambia

La Lombardia diventa 'gialla', ecco cosa cambia

Da domenica 13 dicembre la principale Regione del Nord Italia si appresta a cambiare ‘colore’ e le restrizioni diventeranno più 'soft'

Covid Lombardia dpcm restrizioni regione gialla 

© Annalisa Cretella / AGI - Il Duomo di Milano in periodo natalizio

AGI - Si allenta la morsa del coronavirus in Lombardia e la principale Regione del Nord Italia si appresta a cambiare ‘colore’, passando domenica dall’arancione al giallo. Scatteranno quindi delle restrizioni più ‘soft’ rispetto alla condizione attuale. Vediamo cosa si potrà fare e cosa non sarà consentito a partire da domenica 13 dicembre, quando subentrerà il nuovo regime.
 
Sarà sempre proibito circolare durante il coprifuoco in vigore dalle 22 alle 5, salvo i sempre “comprovati motivi” di lavoro, necessità e salute che dovranno essere giustificati con un’apposita autocertificazione.
 
Riaprono bar e ristoranti ma solo fino alle 18, quindi il pranzo fuori torna a essere consentito. Dopo le 18, invece, è permesso solo ritirare cibo d’asporto (ma sempre entro le 22, momento in cui entra in vigore il coprifuoco). Riaprono i battenti i centri commerciali, con l’esclusione dei giorni festivi e prefestivi. Sempre chiusi musei, cinema, teatri, palestre, piscine e sale giochi. 

E’ sempre consentito nelle Regioni classificate a livello ‘giallo’ muoversi liberamente senza l’obbligo di autocertificazione, ovviamente nell’orario in cui non vige il coprifuoco. Si può andare nei centri sportivi, fare jogging e altra attività sportiva all’aperto, purchè da soli. La raccomandazione valida resta però sempre quella di evitare spostamenti e incontri non necessari.

Capitolo istruzione: le Università restano chiuse, eccetto per le matricole e per le attività di laboratorio che chiaramente non possono essere effettuate da remoto. L’insegnamento in presenza è prevista per scuole d’infanzia, elementari e medie, mentre la didattica a distanza resta il 'must' per licei e scuole superiori in genere.