Uccide fidanzata a Prato, si suicida nel Pistoiese

Uccide fidanzata a Prato, si suicida nel Pistoiese

Un uomo di 50 anni si sucida dopo aver ucciso la compagna. Ipotesi investigative parlano di dissidi familiari acuiti da stress per mancanza di lavoro

femminicidio  pistoia fidanzata uccisa

Femminicidio, violenza sulle donne (Agf) 

AGI - Ha ucciso la fidanzata a coltellate, in casa a Vaiano, nel comune di Prato, e poi si è ucciso gettandosi da un ponte sospeso.

È successo questa mattina, ma la scoperta del corpo della donna è avvenuta solo più tardi, dopo il ritrovamento del corpo del fidanzato. L’uomo, un 50enne disoccupato da aprile, è stato ritrovato morto sotto il ponte Himalayano di Mammiano, in provincia di Pistoia. Un ponte noto perché teatro di diversi episodi di suicidio.

Ritrovata l’auto dell’uomo, i carabinieri hanno individuato anche tracce di sangue che hanno spinto gli inquirenti a indagare, risalendo così alla donna.

Rintracciati i genitori, dove si trovava la figlia di due anni, gli inquirenti si sono poi diretti nella casa della donna, a Vaiano dove l’hanno trovata morta con segni di coltellate sul corpo. La donna era una istruttrice di pilates e lavorava in un centro estetico.

Secondo una prima ricostruzione, l’omicidio sarebbe riconducibile a dissidi familiari fra i due acuiti dallo stress dell’uomo che da aprile era senza lavoro.