"Se si fosse chiusa la Val Seriana si sarebbe evitato il lockdown dell'Italia"

"Se si fosse chiusa la Val Seriana si sarebbe evitato il lockdown dell'Italia"

Lo dice all'AGI Luca Fusco, il presidente del Comitato 'Noi denunceremo' che ha depositato in Procura a Bergamo decine di denunce di familiari di vittime del Covid 

zona rossa nembro alzano val seriana

© Agf - Nembro

AGI - "Non so di chi sia stata la colpa della mancata chiusura di Nembro e Alzano, ma sono certo che se si fosse chiusa prima questa piccola zona della Bergamasca si sarebbe evitato il lockdown dell'Italia intera, con tutte le conseguenze economiche e sociali conseguite. Il 23 febbraio quando si è avuta la notizia dei primi infetti a Nembro e Alzano, oltre la linea del Po non ce n'erano altri".

Lo dice all'AGI Luca Fusco, il presidente del Comitato 'Noi denunceremo' che ha depositato in Procura a Bergamo decine di denunce di familiari di vittime del Covid nelle quali si attribuisce la responsabilità di questi decessi anche alla scelta di non 'sigillare' i confini della Val Seriana.

Il verbale pubblicato dall''Eco di Bergamo' da cui si evince che gli esperti volevano la chiusura dei due Comuni e il governo o la Regione non la disposero, prosegue Fusco, "non ci dice molto di nuovo, il contenuto era già noto. Le decisioni alla fine sono politiche e possono o meno essere suffragate dai tecnici. Qui il tecnico ha detto una cosa e la politica un'altra. Spetterà alla magistratura stabilire di chi siano le responsabilità che si stanno palleggiando Regione e Governo".