Giovani si tuffano nel porto. È caos movida a Ponza

Giovani si tuffano nel porto. È caos movida a Ponza

Protagonisti della bravata alcune decine di giovanissimi che negli ultimi giorni sono balzati agli onori delle cronache proprio per episodi simili o di assembramenti incontrollati

caos movida coronavirus ponza tuffo porto ragazzi

Ponza, ragazzi si tuffano nel porto

AGi - Hanno trascorso il pomeriggio sulla bellissima spiaggia del Frontone a Ponza e al ritorno hanno pensato bene di gettarsi in acqua dalle imbarcazioni del servizio di trasporto pubblico nel bel mezzo del porto dell'isola creando il panico tra i natanti impegnati nelle manovre di ingresso per gli ormeggi.

Protagonisti della bravata alcune decine di giovanissimi che negli ultimi giorni sono balzati agli onori delle cronache proprio per episodi simili o di assembramenti incontrollati che stanno dando non poco lavoro all'amministrazione e alle forze dell'ordine.

Questa sera però la bravata dei ragazzi di ritorno dal Frontone ha causato l'intervento immediato delle forze dell'ordine, oltre alla municipale anche carabinieri e Finanza, che hanno immediatamente identificato i ragazzi.

caos movida coronavirus ponza tuffo porto ragazzi

In questi giorni il turismo di giovani provenienti dalla Capitale è fonte di preoccupazione per il sindaco Francesco Ferraiuolo che, pur minimizzando gli episodi conferma di avere "chiesto al Questore un ulteriore supporto che arriverà già da domani. Sono ragazzi e parliamo di episodi che durano qualche giorno, mi risulta che molti giovani romani si danno appuntamento a Ponza tramite i social e vengono qui a trascorrere le vacanze dopo gli esami. Succede da sempre e quest'anno è accaduta la stessa cosa".

caos movida coronavirus ponza tuffo porto ragazzi

"Ovviamente - prosegue il sindaco - quanto accaduto stasera al porto è inaccettabile e io stesso ho chiesto l'intervento delle forze dell'ordine". Una movida che molti definiscono incontrollata ma che il sindaco assicura durerà ancora per poco: "Indubbiamente pero' l'isola è piena - ha detto - e tenere tutto sotto controllo e' comunque impegnativo".