Ha ucciso i genitori con un coltello da cucina dopo una lite

Ha ucciso i genitori con un coltello da cucina dopo una lite

L'uomo ha confessato. Le vittime avevano 69 e 60 anni. Il fatto è avvenuto a Torino, nel quartiere Mirafiori

uccide genitori a coltellate torino

Carabinieri

AGI - Ha confessato di avere ucciso i genitori nella loro casa di Torino, nel quartiere Mirafiori. Un giovane è stato fermato nella tarda serata di ieri, a Collegno, nell'hinterland torinese, da una pattuglia dei carabinieri, mentre si aggirava a piedi con fare sospetto. Una volta fermato, i militari dell'Arma hanno subito constatato il suo stato confusionale e si sono accorti che aveva le mani sporche di sangue.

Condotto in caserma, l'uomo ha confessato che poco prima aveva ucciso i propri genitori. Gli accertamenti presso quella abitazione, dove risiede anche il giovane, hanno confermato il duplice omicidio, verosimilmente compiuto con coltelli da cucina.

L'uomo è stato portato presso la compagnia dei carabinieri di Rivoli per chiarire movente e dinamica del duplice omicidio. Il sopralluogo ed i rilievi sulla scena del crimine sono stati effettuati dagli uomini del nucleo investigativo del Comando Provinciale di Torino.

Il giovane 30enne è stato sottoposto a fermo per il duplice omicidio del padre e della madre, rispettivamente di 69 e 60 anni. L'uomo nel pomeriggio di ieri, al culmine di un litigio per futili motivi, avrebbe accoltellato a morte i genitori che si erano recati presso la sua abitazione per fargli visita. Dopo il delitto l'uomo è rimasto qualche ora sul posto per poi iniziare a vagare senza meta a bordo dell'auto della madre, ed è stato poi rintracciato, alle 23.30 circa, dai militari dell'Arma. È  ancora in corso il sopralluogo nell'abitazione e sono stati sequestrati 8 coltelli da cucina.