Il coronavirus sui social, le parole più condivise

Il coronavirus sui social, le parole più condivise

Record di discussioni e ricerche per tamponi, positivi in calo, Mattarella che firma il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri

contagi coronavirus social discussioni

Per il quarto giorno consecutivo il bollettino sul numero dei contagi, deceduti e guariti dal coronavirus fa pensare (e sperare) a un possibile appiattimento della curva della diffusione della malattia. In quasi tutte le province d’Italia la differenza percentuale dei nuovi contagiati è al di sotto del 10%.

Tuttavia sono le positività di Guido Bertolaso (ex Capo della Protezione civile) e la febbre di Angelo Borrelli (Capo dipartimento della Protezione Civile) a destare qualche preoccupazione. Picco di conversazioni per il principe Carlo d’Inghilterra, anch’esso colpito dal virus.

Nel resto del mondo gli Stati Uniti, con quasi 75 mila casi, sono prossimi a superare proprio l’Italia, per numero di contagi. 

 

Il grafico mostra l'evoluzione dei volumi di conversazione da inizio epidemia ad oggi. Ogni picco corrisponde a un evento con forte impatto sull'opinione pubblica. Al centro la words cloud con le coppie di parole più utilizzate nelle ultime ore.

Il coronavirus non conosce confini e classi sociali. Anche i reali d’Inghilterra sono vulnerabili al contagio e quando vengono colpiti tutto il mondo ne parla, Italia compresa. Nella wordcloud di parole più presenti all’interno dei contenuti pubblicati dagli utenti è la positività del principe Carlo il tema più dibattuto. Parlando del principe, l’attenzione automaticamente passa alla Regina Elisabetta, in secondo piano nella nostra wordcloud perché comunque le sue condizioni di salute e il suo sostanziale isolamento non preoccupano.

 


La word cloud mostra le coppie di parole più utilizzate nelle ultime ore.

L’analisi delle emozioni della giornata fa registrare un incremento di disappunto nelle conversazioni (+5% rispetto alla giornata precedente). Andando ad analizzare le conversazioni che includono un certo livello di disappunto emergono i seguenti digrammi: “TgR Leonardo”, “esperimento cinese”, “supervirus creato” e “salvini inciampa”. In tanti ieri hanno discusso su un video che 5 anni fa andò in onda su Rai 3 e che pur non avendo niente a che fare con l’attuale coronavirus, è stato utilizzato dalla Lega e da Salvini per sollevare una polemica nei confronti del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

 

Il grafico mostra la distribuzione delle emozioni elaborata tramite emotion analysis.

 

La giornata politica di ieri ha visto un altro intervento del Premier Giuseppe Conte, questa volta per informare la Camera dei Deputati sull’andamento e discutere il decreto “Cura Italia” firmato in serata dal Presidente della Repubblica, Mattarella. Tutti gli italiani, invece, si interrogano sulla riuscita delle misure economiche messe in atto per superare la crisi.

 

Nota: L'osservatorio web è realizzato utilizzando gli algoritmi proprietari di KPI6. I dati vengono raccolti tramite API dai principali social, aggregati ed elaborati in un unico ambiente di ricerca grazie alla scrittura di query di ricerca che comprendono tutti i principali hashtag, le menzione e le parole chiave legate al Covid-19. A partire da algoritmi proprietari di intelligenza artificiale vengono effettuate le elaborazioni che permettono di misurare il sentiment degli utenti, le emozioni rilevabili nei contenuti o le immagini più utilizzate. Dai dati così ottenuti vengono ricavate visualizzazioni grafiche grazie a programmi di terze parti come Instagram o flourish. Le visualizzazioni vengono aggiornate quotidianamente e rispecchiano fedelmente i dati di KPI6.

Trovate una panoramica completa quotidiana sull’osservatorio realizzato da KPI6 in collaborazione con AGI:  https://datajournalism.kpi6.com/coronavirus-observatory/