Napoli: chiama il 118 e gli negano ricovero, muore poco dopo

(AGI) - Napoli, 9 mar. - I carabinieri indagano sulla morte diun uomo, avvenuta in ospedale dopo alcune ore il ricovero, inseguito alla denuncia presentata dai suoi familiari.Nell'esposto viene raccontato che la mattina del 6 marzoscorso, per un attacco febbrile, l'uomo, il quarantaduenneLuigi Ruotolo, aveva chiamato il 118. Giunto a casa sua, nelcentro storico di Napoli, il personale del pronto intervento loaveva visitato e lo aveva rassicurato senza dargli cureparticolari. Ma, con il trascorrere delle ore, le suecondizioni si erano aggravate rendendo necessaria una secondachiamata: il 118, cosi', ripeteva l'intervento

(AGI) - Napoli, 9 mar. - I carabinieri indagano sulla morte diun uomo, avvenuta in ospedale dopo alcune ore il ricovero, inseguito alla denuncia presentata dai suoi familiari.Nell'esposto viene raccontato che la mattina del 6 marzoscorso, per un attacco febbrile, l'uomo, il quarantaduenneLuigi Ruotolo, aveva chiamato il 118. Giunto a casa sua, nelcentro storico di Napoli, il personale del pronto intervento loaveva visitato e lo aveva rassicurato senza dargli cureparticolari. Ma, con il trascorrere delle ore, le suecondizioni si erano aggravate rendendo necessaria una secondachiamata: il 118, cosi', ripeteva l'intervento e lo prelevavatrasportandolo all'ospedale San Giovanni Bosco, dove l'uomomoriva in serata. Nelle ore successive la sua famiglia hapresentato denuncia per quanto era accaduto ai carabinieri.(AGI)