Mani della 'Ndrangheta su Roma Legame tra Carminati e calabresi

(AGI) - Roma, 11 dic. - Due nuovi arresti nell'ambitodell'inchiesta mafia capitale. Questa mattina il Ros haeseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere,

Mani della 'Ndrangheta su Roma  Legame tra Carminati e calabresi

(AGI) - Roma, 11 dic. - Due nuovi arresti nell'ambitodell'inchiesta mafia capitale. Il Ros ha arrestato, su ordine del gip del Tribunale di Roma che ha accolto la richiesta della procuradistrettuale antimafia, Rocco Rotolo eSalvatore Ruggiero, entrambi indagati per associazione di tipomafioso nell'ambito dell'operazione "Mondo di Mezzo".

L'abitazione di un'altra persona, indagata a piedelibero, e' stataperquisita.

Guarda il VIDEO

Secondo leaccuse i due assicuravano il collegamento tra alcunecooperative gestite dalla 'consorteria' romana e la'ndrangheta. Gli interventi sono stati eseguiti nelle provincedi Roma, Latina e Vibo Valentia. Secondo gli inquirenti gli indagati, organiciall'organizzazione ribattezzata 'Mafia Capitale', facevano da collegamento tra alcune cooperative gestite daSalvatore Buzzi, sotto il controllo di Massimo Carminati, e lacosca Mancuso di Limbadi (Vibo Valentia) consorteria di matrice'ndranghetista egemone nel vibonese.

Secondo leaccuse, il gruppo di Carminati e la cosca calabrese aveva interessi comuni in particolare come, dal luglio 2014, nella gestionedell'appalto per la pulizia del mercato Esquilino di Roma dato aGiovanni Campenni', imprenditore di riferimento della cosca, mediante la creazione della Onlus Cooperativa Santo Stefano.

Le indagini hanno documentato come gia' nel 2009 Rotolo e Ruggiero fossero andati in Calabria, su richiesta di Buzzi, per accreditarsi con la cosca Mancuso, tramite esponenti dellacosca Piromalli, e ricollocare gliimmigrati in esubero presso il Cpt di Crotone. Gli elementiraccolti dalle indagini hanno quindi documentato come Ruggieroe Rotolo abbiano fornito uno stabile contributo alle attivita'di mafia capitale, avvalendosi dei rapporti privilegiatiinstaurati con esponenti di spicco della 'ndrangheta, in unrapporto che definito "sinallagmatico tra le due organizzazioni mafiose". A fronte della protezione offerta in Calabria alle cooperativecontrollate da Mafia Capitale, la cosca Mancuso, rappresentata da Campenni', e' stata affiancata nellagestione dell'appalto pubblico di Roma. (AGI)