Mafia Capitale: gip, cosi' Odevaine evitava l'antiriciclaggio

(AGI) - Roma - Aveva affari in Venezuela, LucaOdevaine, componente del Tavolo di Coordinamento Nazionale suiflussi migratori non programmati almeno fino all'ottobre del2014. In Sudamerica stava cercando di avviare una serie diiniziative imprenditoriali che portava avanti anche grazie aisoldi, provento di corruzione, che intascava dai dirigenti delgruppo 'La Cascina'. Per il gip Flavia Costantini, che harespinto una nuova misura cautelare per lui, considerato che e'detenuto da dicembre a Torino e che restera' in carcere altrotempo ancora figurando tra gli imputati del giudizio immediato,e' indicativa una conversazione del 27

(AGI) - Roma, 5 giu. - Aveva affari in Venezuela, LucaOdevaine, componente del Tavolo di Coordinamento Nazionale suiflussi migratori non programmati almeno fino all'ottobre del2014. In Sudamerica stava cercando di avviare una serie diiniziative imprenditoriali che portava avanti anche grazie aisoldi, provento di corruzione, che intascava dai dirigenti delgruppo 'La Cascina'.

Ros, gli indagati e i perquisiti di ieri

Per il gip Flavia Costantini, che harespinto una nuova misura cautelare per lui, considerato che e'detenuto da dicembre a Torino e che restera' in carcere altrotempo ancora figurando tra gli imputati del giudizio immediato,e' indicativa una conversazione del 27 marzo 2014 tra Odevainee il suo uomo di fiducia Marco Bruera: il primo, raccomandando"assoluta riservatezza", dice all'altro di aver ricevuto denaroin contante, "parte del quale gli consegnava dandogliistruzioni per effettuare versamenti frazionati per importiinferiori ai 5 mila euro" e spiegandogli come evitare chel'istituto bancario facesse la segnalazione in base alla leggesull'antiriciclaggio.

Odevaine: "M'hanno dato dei soldi... chedevo versare in Venezuela... pero' me li hanno dati ieri seraper cui stamattina so' andato in banca qua al Monte dei Paschi... e non posso versarli tutti perche' senno' mi fanno lasegnalazione all'antiriciclaggio... piu' di 5mila euro per ogniversamento ti segnalano subito... ora per evitare lasegnalazione io ho versato 4500 euro a Monte dei Paschistamattina piu' altri 4mila e 5 li versiamo domani... poi se tufai la stessa cosa adesso li' alla Banca Popolare di Vicenza 4e 5 oggi, 4 e 5 domani, sono 9 9...18 mi sa che bisognera' farepoi la settimana prossima un altro paio di versamenti, io te lilascio a casa.... le buste gia' divise con 4 mila e 5 e lasettimana prossima li vai a versare... mi sa checomplessivamente m'hanno dato circa 30mila euro da versare...".

Gli investigatori dei Ros hanno documentato almeno cinqueepisodi che con certezza evidenziano "l'effettiva consegnadelle somme di denaro" che Odevaine ha pattuito con i dirigentidel gruppo 'La Cascina'. "Le indagini - sottolinea il gip - hannoconsentito di individuare gli investimenti di Odevaineall'estero in piena corrispondenza con quanto icasticamenteosservato da Salvatore Buzzi che in una conversazione,intercettata nei suoi uffici il 28 marzo del 2014, chiede aisuoi collaboratori: 'No scusa ma se Odevaine c'ha tutta staroba, scusa, perche' se tu sei stipendiato dal Comune e pigli3mila euro al mese come fai ad averci un impero in Venezuela?Scusa ma c'ha mezzo Venezuela! come se l'e' fatto? colrisparmio dello stipendio?'".. E del resto e' lo stessoOdevaine, in un dialogo del 24 ottobre 2014, intercettato, conil commercialista Stefano Bravo a spiegare il nesso "tra leretribuzioni concordate e ricevute dal gruppo La Cascina e ilsuo ruolo all'interno del Tavolo di Coordinamenti: "...chiaramente stando a questo Tavolo nazionale... avendo questarelazione continua con il Ministero... sono in grado un po' diorientare i flussi che arrivano da giu' anche perche' spessopassano per Mineo e poi da Mineo vengono smistati in giro perl'Italia per cui un po' a Roma e un po' nel resto d'Italia".(AGI)