Luca Varani colpito 100 volte con martello e coltello

L'autopsia, il giovane è morto dissanguato per le troppe ferite. Sulle armi tracce biologiche sia di Foffo che di Prato

Luca Varani colpito 100 volte con martello e coltello
 Luca Varani (Facebook)

Roma - Colpito almeno cento volte a martellate e a coltellate, seviziato per lungo tempo e alla fine morto dissanguato per le troppe ferite subite. E' la fine atroce che Manuel Foffo e Marco Prato hanno riservato al 27enne Luca Varani, ucciso il 4 marzo in un appartamento del Collatino. Dai risultati dell'esame autoptico, consegnato al pm Francesco Scavo, emerge come Varani sia stato raggiunto da circa 20 martellate alla testa e in bocca, mentre sono trenta le ferite da arma da taglio superficiali, cioe' inferte al solo scopo di provocare dolore e sofferenza.

Su tutte le armi utilizzate per seviziare e uccidere Luca, ci sono tracce biologiche riconducibili a Prato e Foffo. A confermarlo sono le analisi eseguite dal perito nominato dal gip in sede di incidente probatorio. Dall'esame effettuato su due coltelli e su un martello, infatti, la perizia avrebbe concluso per un analogo contributo nell'evento omicidiario dei due indagati ai quali il pm Francesco Scavo ha contestato il concorso in omicidio volontario premeditato. (AGI)