"Lotto marzo", le donne festeggiano scioperando. Cortei in 16 città

Un modo per per ribadire il rifiuto della violenza di genere in tutte le sue forme. Appuntamento clou alle 17 al Colosseo

"Lotto marzo", le donne festeggiano scioperando. Cortei in 16 città
  Centomila donne in marcia contro la violenza (Foto da Facebook)

Otto marzo di lotta per le donne di tutto il mondo, anche in Italia. Non solo mimose e paroline dolci: la festa internazionale della donna quest'anno diventa una giornata di lotta e partecipazione, #LottoMarzo, con uno sciopero generale che abbraccia lavoratrici dipendenti, precarie, autonome, intermittenti, disoccupate, studentesse, casalinghe. La mobilitazione al femminile è promossa dai sindacati Usi, Slai Cobas per il sindacato di Classe, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc Cgil, che hanno indetto lo sciopero in tutte le categorie, chiedendo l'astensione dal lavoro produttivo (a cui i movimenti femministi aggiungono anche "il lavoro riproduttivo").

La Rete Non Una Di Meno, uno sciopero contro la violenza

All'iniziativa ha aderito la Rete Non Una Di Meno, che ha indicato 8 punti per l'8 marzo, "per ribadire, anche attraverso lo sciopero, il rifiuto della violenza di genere in tutte le sue forme.

  • oppressione
  • sfruttamento
  • sessismo
  • razzismo
  • omofobia
  • transfobia 

Le donne, e non solo, scenderanno in strada ancora una volta in tutte le città italiane con cortei, assemblee nelle piazze, nelle scuole, negli ospedali, nelle università, "per mostrare con forza che la violenza maschile contro le donne è una questione strutturale alla società, che attraversa ogni luogo, dalle case ai posti di lavoro, dagli ospedali alle università, dai media alle frontiere, e che in ogni luogo va contrastata".

A Roma alle 17 corteo dal Colosseo

Appuntamento clou a Roma, dove un corteo partirà alle 17 dal Colosseo per raggiungere piazza San Cosimato, a Trastevere. "Sarà una protesta attuata con modalità differenti - spiegano i promotori - durerà 24 ore, i suoi colori saranno il nero e il fucsia e il simbolo la matrioska di Non Una Di Meno, esposta nei luoghi in cui le donne sciopereranno. Sarà inoltre realizzata a livello nazionale un'azione di twitter storm".

"Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo!"

"Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo!" è lo slogan che raccoglie adepte in oltre 40 Paesi dove si terranno contemporaneamente sit-in, manifestazioni, cortei, banchetti informativi, proiezioni, letture. Le forme per bloccare le attività produttive e riproduttive - ricordano le organizzatrici in Italia - sono molteplici: l’astensione dal lavoro, lo sciopero bianco, lo sciopero del consumo, l’adesione simbolica, lo sciopero digitale, il picchetto. Non solo, si può aderire agli eventi organizzati nelle singole città o anche scegliendo di non esercitare una delle tante attività domestiche o di cura che non vengono riconosciute né retribuite. Come si sottolinea nel blog dedicato, "non una di meno, nessuna da sola". 

Perché scioperare in 8 punti

  1. La risposta alla violenza è l'autonomia delle donne
  2. Senza effettività dei diritti non c'è giustizia né libertà per le donne
  3. Sui nostri corpi, sulla nostra salute, sul nostro piacere decidiamo noi
  4. Se le nostre vite non valgono, non produciamo
  5. Vogliamo essere libere di muoverci e di restare
  6. Vogliamo distruggere la cultura della violenza attraverso la formazione
  7. Vogliamo dare spazio ai femminismi nel movimento
  8. Rifiutiamo i linguaggi sessisti e misogini

I cortei, le assemblee e il piano femminista nazionale

Era il 26 novembre a Roma, una grande manifestazione con oltre 100mila donne attraversa il centro della città. Il giorno dopo, in un'affollata assemblea all’università La Sapienza di Roma, si discute di proposte politiche concrete e di un piano femminista nazionale. Infine a Bologna, il 4 e 5 febbraio un appuntamento nazionale richiama migliaia di donne, chiamate a partecipare alla scrittura del piano e alla condivisione di percorsi e pratiche verso lo sciopero globale dell’8 marzo.

A cento anni dall'8 marzo 1917, le donne decidono di tornare in strada in tutto il mondo per "protestare e scioperare contro la guerra che ogni giorno subiamo sui nostri corpi: la violenza, fisica, psicologica, culturale, economica". L'appello è per tutte, quelle che lavorano nel pubblico come nel privato, ma anche chi si occupa di lavoro domestico e di cura, "invisibile e quotidiano, ancora appannaggio quasi esclusivo delle donne, ancora sottopagato e gratuito".

Da nord a sud, i principali appuntamenti in Italia

  • Roma -  Presidio delle lavoratrici Almaviva, corteo al ministero dell'Istruzione, alla Regione Lazio e all'Università La Sapienza. Alle 17 corteo al Colosseo
  • Milano - Performance artistica presso l’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele, con la realizzazione di un gigantesco Mandala
  • Torino - iniziative sparse nella città, nel pomeriggio corteo da Piazza XVIII Dicembre
  • Viterbo - Flash mob contro la violenza maschile sulle donne a Piazza del Plebiscito
  • Trieste - corteo fino a Piazza Unità
  • Cagliari - corteo fino a Piazza del Carmine
  • Parma - 'Cacerolada' a Piazzale Santa Croce 
  • Brescia - Letture per bambine e bambini contro gli stereotipi di genere a Piazza della Loggia, segue corteo
  • Cosenza - Corte rumoroso nero e fucsia 
  • Lecce - Musica, arti visive e flash mob
  • Catania - presidio a Piazza Dante e poi corteo notturno
  • Benevento - Presidio in difesa della 194
  • Bologna - Piazza Maggiore corteo notturno "Zitte e composte non ci stiamo"
  • Lanciano - Iniziative tutta la giornata, tra cui lettura di "Una giornata senza le donne. Prologo semiserio in chiave antisociale"
  • Genova - Presidio Ospedale Galliera per l'autodeterminazione delle scelte riproduttive
  • Jesi - Flash mob "Lotto Marzo e Ballo" sulla coreografia internazionale di 'One Billion Rising'