C'è una taglia sui ladri che ammazzano i cani a bastonate

Una banda picchia a morte gli animali che abbaiano per dare l'allarme. 7.000 euro a chi dà informazioni per arrestarli

ladri uccidono cani bastonate

E' salita a settemila euro la 'taglia' posta dall'Aidaa, Associazione italiana difesa animali e ambiente, dopo l'uccisione nel Biellese di un secondo cane, massacrato a bastonate. A Verrone un bassotto è stato trovato agonizzante in una pozza di sangue dai proprietari appena rientrati a casa: i ladri l'avevano ferito a morte a bastonate. Poche settimane fa era toccato a un maremmano, massacrato nello stesso modo a Pollone, durante un furto in cui era stato portato via materiale per circa 70 euro.

Nel caso del bassotto i malviventi l'hanno picchiato per farlo smettere di abbaiare. "Abbiamo sospetto che i ladri possano essere gli stessi", ipotizza Lorenzo Croce, presidente di Aidaa. "Per questo abbiamo incrementato la taglia portandola a 7.000 euro che pagheremo a chiunque sia in grado di fornire informazioni che possano portare all'individuazione e alla definitiva condanna di questi delinquenti. Abbiamo ricevuto alcune segnalazioni che stiamo valutando, ora invitiamo la gente a denunciare, a parlare".


 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it