Isis: allarme dei Servizi "Italia e' a rischio di attacchi"

(AGI) - Roma, 27 feb. - "Sebbene ad oggi non siano emerseattivita' o pianificazioni ostili in territorio nazionalericonducibili allo Stato Islamico o ad

Isis: allarme dei Servizi  "Italia e' a rischio di attacchi"

(AGI) - Roma, 27 feb. - "Sebbene ad oggi non siano emerseattivita' o pianificazioni ostili in territorio nazionalericonducibili allo Stato Islamico o ad altre formazioni deljihad globale, la minaccia interessa anche l'Italia, potenzialeobiettivo di attacchi pure per la sua valenza simbolica diepicentro della cristianita' evocata, di fatto, dai reiteratirichiami alla conquista di Roma presenti nella propagandajihadista". E' l'allarme lanciato dai servizi di informazione esicurezza nell'ultima Relazione annuale al Parlamento.

Odg e Consiglio utenti tv "stop a trasmissioni video"

Secondo gli analisti dell'intelligence, "e da ritenersicrescente il rischio di attacchi in territorio europeo ad operadi varie 'categorie' di attori esterni o interni aiPaesi-bersaglio". I rischi possono arrivare da "emissariaddestrati e inviati dall'IS o da altri gruppi, compresi quelliche fanno tuttora riferimento ad al Qaida; cellule dormienti;foreign fighters di rientro o 'pendolari' dal fronte(commuters); familiari/amici di combattenti (donne incluse)attratti dall'''eroismo' dei propri cari, specie se martiri;'lupi solitari' e microgruppi che decidano di attivarsiautonomamente (self starters)". "Cio' - fanno notare gli 007 -anche sulla spinta di campagne istigatorie che ritengonopagante trasformare il continente europeo in 'terreno diconfronto': con l'Occidente, in chiave di rivalsa, e tra lestesse componenti della galassia jihadista, nel quadro didinamiche di competizione tutt'altro che univoche". (AGI).