Martella e il piano del governo per l'informazione protagonisti dell'evento Agi

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'editoria ospite dell'Agenzia Italia lunedì 2 dicembre al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano

informazione piano governo martella evento agi
Agf
Andrea Martella

Garantire il pluralismo attraverso il sostegno finanziario alle imprese editoriali, completare la transizione verso il digitale, sostenere i giovani che vogliono creare nuove imprese editoriali, trasformare le edicole in veri e propri "hub amministrativi" e assicurare una giusta remunerazione al lavoro giornalistico. Sono le azioni previste nel nuovo piano del Governo Editoria 5.0 per aiutare il mondo dell'informazione. A presentarlo sarà il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega all'Informazione e all'Editoria, Andrea Martella durante l'evento "Storia d'Italia e futuro dell'editoria" organizzato da Agi Agenzia Italia lunedì 2 dicembre alle ore 18.30 al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano.

Ma quali sono gli elementi critici, il grado di fiducia e le attese degli italiani? A rivelarlo sarà il nuovo rapporto Agi-Censis "I professionisti dell'informazione nell'era trans-mediatica" - realizzato nell'ambito del programma pluriennale "Diario dell'Innovazione" della Fondazione per l'Innovazione COTEC - raccontato dal presidente del Censis Giuseppe De Rita, guidato dal Direttore Agi Mario Sechi attraverso un viaggio nella storia d'Italia e dell'editoria. Un viaggio emozionale, dal telegrafo ai giorni nostri, nella realtà sociale del Paese che ha accompagnato la nascita e la crescita del mondo dell'informazione.

Nel corso dell'incontro l'amministratore delegato di Agi, Salvatore Ippolito, presenterà in anteprima il nuovo sito agi.it, l'innovativo spazio multimediale dell'agenzia dedicato ai lettori, alle aziende e alle istituzioni, la partnership con la concessionaria di pubblicità A.Manzoni & C. e con Alessandro Vento, amministratore delegato di D-Share, racconterà il piano di sviluppo di tecnologie e progetti digitali per i media.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it