Ieri prime contestazioni in piazza del Popolo a Roma: tensione e feriti - Foto

(AGI) - Roma  - "'Chi ha paura della Lega' e' iltitolone in prima pagina. Oggi mi tocca comprare Il Giornale.
  Buon viaggio verso  [...]

Ieri prime contestazioni in piazza del Popolo a Roma: tensione e feriti - Foto

(AGI) - Roma, 28 feb. - "'Chi ha paura della Lega' e' iltitolone in prima pagina. Oggi mi tocca comprare Il Giornale.Buon viaggio verso Roma a tutti gli Amici!!!", scrive suFacebook Matteo Salvini nella giornata della manifestazioneleghista, e delle annunciate contestazioni, nella Capitale.

Ieri momenti di tensione a piazza delPopolo, nel cuore di Roma, dove decine diattivisti dei movimenti hanno occupato le navate della labasilica di Santa Maria del Popolo e hanno raggiunto la cupolasrotolando gli striscioni con su scritto "Mai con Salvini, maicon Renzi, respingiamoli".

Lega: comizio Roma 'blindato', parlano solo Salvini e Zaia

Nel frattempo un altro gruppo ha provato a raggiungere la piazza partendo da Piazza di Spagna.L'intervento delle forze dell'ordine, riferiscono i movimenti,"e' stato immediato e molto violento. Le persone sedute perterra, sono state trascinate fuori dalla basilica e si contanodiversi feriti, portati via con le autoambulanze".

 


Guarda la galleria fotografica

Il proposito annunciato dai movimenti antagonisti e' quellodi impedire il comizio di Lega e Casapound a piazza del Popolo,previsto per oggi "I movimenti - si legge in una nota di ieri - conquesta azione e con la mobilitazione di massa di oggipomeriggio alle 17 con appuntamento a piazzale Flaminio,"intendono impedire materialmente il comizio della Lega Nord edi Casapound previsto per domani - 28 febbraio - a piazza delPopolo. In questa maniera, dentro la costruzione dellamanifestazione del 28 febbraio con partenza da piazza Vittorioalle 14, i movimenti per la casa e i migranti, insieme astudenti e precari, quotidianamente protagonisti nelle lotte diquesta citta', stanno dando un segnale di "respingimento" fortee chiaro nei confronti del Matteo padano e dei suoi alleatifascisti di Casapound". (AGI)