Gigi D'Alessio, poliziotto arrestato era mio fan, mi scortava

(AGI) - Roma, 8 ott. - "Il poliziotto arrestato e' un mio fanda tempo, da almeno venti anni e tutte le volte che venivo acantare in zona, si faceva trovare in servizio e mi scortavacon la macchina, mi faceva la staffetta". Lo ha detto all'AGIil cantante Gigi D'Alessio sul caso dei tre agenti arrestati aNapoli, uno dei quali lo avrebbe accompagnato con l'auto diservizio ad un concerto. "Lo faceva sempre -afferma il cantante- anche con miamoglie, Anna Tatangelo la quale, in occasione di un concerto aMarcianise si e' fatto trovare per accompagnarla".

(AGI) - Roma, 8 ott. - "Il poliziotto arrestato e' un mio fanda tempo, da almeno venti anni e tutte le volte che venivo acantare in zona, si faceva trovare in servizio e mi scortavacon la macchina, mi faceva la staffetta". Lo ha detto all'AGIil cantante Gigi D'Alessio sul caso dei tre agenti arrestati aNapoli, uno dei quali lo avrebbe accompagnato con l'auto diservizio ad un concerto. "Lo faceva sempre -afferma il cantante- anche con miamoglie, Anna Tatangelo la quale, in occasione di un concerto aMarcianise si e' fatto trovare per accompagnarla". Dagliinquirenti emerge anche un episodio di un concerto del cantantepartenopeo a New York, nel quale lo stesso agente lo avrebbeaccompagnato. "Quando ho fatto un concerto a New York, il 14febbraio 2011 -racconta D'Alessio- e' venuto insieme a mionipote che suona con me. Mio nipote mi disse 'vuole venire,posso portarlo? E' sempre meglio averlo un poliziotto accanto'.E io dissi di si'. Ho grande rispetto per gli uomini in divisama oramai -conclude il cantante- manco piu' dei poliziotti unosi puo' fidare. Non mi ricordo chi pago' quel viaggio". (AGI).