Gender: Bagnasco, dobbiamo combattere in difesa dell'uomo

(AGI) - CdV - "Una vera guerra in difesa dell'uomo". Cosi' ilcardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha definito la"buona battaglia" contro "le molteplici insidie" che emergonoin questo tempo. "Uno dei motivi di preoccupazione - haspiegato aprendo i lavori del Convegno per il decennale diSceinza e Vita - ci viene dalla sistematica diffusione, apartire da luoghi che, come la scuola, dovrebbero rappresentareun modello in senso contrario, dell'ideologia del gender: ilsesso di una persona non le sarebbe dato da cio' che essa e'costitutivamente, ma sarebbe oggetto di una libera scelta diognuno:

(AGI) - CdV - "Una vera guerra in difesa dell'uomo". Cosi' ilcardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha definito la"buona battaglia" contro "le molteplici insidie" che emergonoin questo tempo. "Uno dei motivi di preoccupazione - haspiegato aprendo i lavori del Convegno per il decennale diSceinza e Vita - ci viene dalla sistematica diffusione, apartire da luoghi che, come la scuola, dovrebbero rappresentareun modello in senso contrario, dell'ideologia del gender: ilsesso di una persona non le sarebbe dato da cio' che essa e'costitutivamente, ma sarebbe oggetto di una libera scelta diognuno: se uno vuole essere maschio, o femmina, chi ha ildiritto di vietarglielo? E' giusto, si afferma, che ognunopossa decidere con assoluta liberta'". (AGI)