EI Towers: nel 2014 utile netto in crescita a 37, 8 milioni di eu

Il Consiglio di Amministrazione di EI Towers S.p.A., riunitosioggi sotto la presidenza di Alberto Giussani, ha approvato irisultati consolidati dell'esercizio 2014. - Il 2014 e' statocaratterizzato, oltre che dalla gestione ordinaria di contrattiin essere, per natura di durata pluriennale, dall'attivita' cheha portato nei primi mesi del 2015 alla formalizzazione degliaccordi con il Gruppo Cairo per la progettazione erealizzazione di una nuova rete televisiva nazionale (c.d. Mux)e per la successiva gestione della stessa in modalita' fullservice. L'impatto degli accordi con Cairo sara' a regime dal2018 sui conti del Gruppo EI Towers.

Il Consiglio di Amministrazione di EI Towers S.p.A., riunitosioggi sotto la presidenza di Alberto Giussani, ha approvato irisultati consolidati dell'esercizio 2014. - Il 2014 e' statocaratterizzato, oltre che dalla gestione ordinaria di contrattiin essere, per natura di durata pluriennale, dall'attivita' cheha portato nei primi mesi del 2015 alla formalizzazione degliaccordi con il Gruppo Cairo per la progettazione erealizzazione di una nuova rete televisiva nazionale (c.d. Mux)e per la successiva gestione della stessa in modalita' fullservice. L'impatto degli accordi con Cairo sara' a regime dal2018 sui conti del Gruppo EI Towers. - Grazie a tale nuovosviluppo, il Gruppo ha consolidato il suo ruolo di gestoredell'infrastruttura, catturando il nuovo cliente piu'significativo nel mercato di riferimento dei network operatortelevisivi.- Per quanto riguarda l'attivita' caratteristica del2014, essa non e' stata soggetta a fenomeni di stagionalita',essendo strutturalmente decorrelata rispetto al cicloeconomico, in virtu' del fatto che i contratti di ospitalita'sulle postazioni di trasmissione rappresentano un serviziocritico per i clienti di riferimento ed essenziale per latrasmissione dei segnali. - I ricavi sono leggermente cresciutirispetto all'esercizio precedente, fattorizzando il basso tassodi inflazione che caratterizza l'economia italiana esuperandolo grazie a maggiori volumi di ospitalita' nelsegmento telecomunicazioni e a due acquisizioni chiusenell'esercizio (SART S.p.A. e Hightel S.p.A.). - Lamarginalita' lorda e' cresciuta rispetto allo scorso anno dicirca 140 punti base, grazie al continuo sforzo in termini diefficienze; l'esercizio 2014 si e' infatti chiuso con unariduzione dei costi operativi per circa 3,6 milioni di Euro,dato in linea con i target di efficienza comunicati il 30settembre 2014 in occasione della presentazione del PianoIndustriale. - Anche gli investimenti ordinari si sonomantenuti in linea con i target 2014 del Piano Industriale(circa Euro 11 milioni). - In particolare, nel 2014 i ricaviconsolidati caratteristici si sono attestati ad Euro 234,5milioni, in crescita dell'1,3% rispetto allo stesso datodell'anno precedente (Euro 231,6 milioni). - Il margineoperativo lordo (EBITDA), esclusi componenti economici nonricorrenti pari ad Euro 2,0 milioni, legati a lay-off e a costidi M&A, e' risultato di Euro 110,8 milioni (47,2% deiricavi caratteristici), in crescita del 4,5% rispetto al datodell'esercizio 2013 (Eur 106,0 milioni). Anche l'EBITDA alnetto dei componenti economici non ricorrenti e' cresciuto aEuro 108,8 milioni, rispetto al dato del precedente esercizio,pari a Euro 105,6 milioni. - Il risultato operativo (EBIT)ammonta ad Euro 65,8 milioni, con un'incidenza sui ricavicaratteristici del 28,1%, in crescita del 12,8% rispetto aldato dell'esercizio precedente (Euro 58,4 milioni). - L'utilenetto, dopo aver contabilizzato imposte di competenza per Euro20,4 milioni, si e' attestato ad Euro 37,8 milioni, pari al16,1% dei ricavi caratteristici ed in crescita del 14,8%rispetto all'utile netto del 2013 (Euro 32,9 milioni). L'utileper azione, di conseguenza, e' cresciuto a Euro 1,34, da Euro1,17 nel 2013. - Il capitale investito netto del Gruppo e' pariad Euro 691,6 milioni, il patrimonio netto ammonta ad Euro593,0 milioni e la posizione finanziaria netta si attesta adEuro 98,6 milioni, dato in sensibile calo rispetto a inizioanno (Euro 131,2 milioni). RISULTATI DELLA CAPOGRUPPO Lacapogruppo EI Towers S.p.A. ha chiuso l'esercizio 2014 conricavi a Euro 213,4 milioni, EBITDA a Euro 94,6 milioni e unutile netto di Euro 31,2 milioni. Il patrimonio netto dellasocieta' al 31 dicembre 2014 e' pari ad Euro 566,5 milioni, laposizione finanziaria netta e' pari ad Euro 104,7 milioni. IlConsiglio di Amministrazione ha deliberato di proporreall'Assemblea degli Azionisti, che si terra' il 21 aprileprossimo in unica convocazione, di destinare l'utile diesercizio a riserva straordinaria. Tale destinazione, alla lucedell'offerta su Rai Way S.p.A., consentira' al Gruppo dimantenere la necessaria flessibilita' per far fronteall'impegno finanziario in caso di perfezionamentodell'operazione. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Perl'esercizio 2015 si attendono risultati economico-finanziari inlinea con il piano industriale presentato alla comunita'finanziaria, che prevede linee di sviluppo organico basatesull'offerta di nuovi servizi di ospitalita' agli operatori ditelecomunicazione mobile ed agli operatori televisivi eradiofonici di maggiore standing, nonche' il perfezionamento dialcune acquisizioni di piccole tower company attiveprevalentemente nel settore della telefonia mobile. Inrelazione ai costi, anche nell'esercizio in corso proseguira'l'attivita' volta alla ricerca di efficienze operative.L'EBITDA 2015 dovrebbe quindi essere in linea con il target dipiano ed attestarsi nell'intorno di Euro 114 milioni, esclusioneri non ricorrenti quali, ad esempio, costi per operazionistraordinarie. La dinamica dell'EBITDA, unitamente allaprevisione di investimenti ricorrenti di poco superiori aquelli dell'esercizio appena trascorso (al massimo 12 milionidi Euro), dovrebbe consentire una solida generazione di cassaoperativa. Si evidenzia che, qualora l'offerta pubblica diacquisto su Rai Way S.p.A. lanciata da EI Towers in data 24febbraio 2015 dovesse avere esito positivo, i risultatieconomico-finanziari e i ratio finanziari del Gruppocambieranno in maniera significativa, con particolareriferimento al rapporto tra Posizione Finanziaria Netta edEBITDA pro-forma, che al settlement dell'operazione e' previstointorno a 5 volte. Come conseguenza, in caso di esito positivodell'offerta, entro un orizzonte temporale da definiresuccessivamente al perfezionamento della stessa, verra'presentato al mercato un nuovo piano pluriennale che terra'conto dell'integrazione industriale delle due realta' e dellanuova struttura finanziaria. .