Una donna è stata arrestata per la morte di Desirée Mariottini

E' originaria del Botswana e ha 21 anni. E' accusata di aver ceduto una dose alla ragazza, morta a San Lorenzo nell'ottobre del 2018

Desiree arrestata donna Botswana

Una donna di 21 anni originaria del Botswana è stata arrestata nell'ambito delle indagini sulla morte di Desiree Mariottini, avvenuta nell'ottobre 2018 a San Lorenzo, a Roma.

Nel vano lavanderia di uno stabile in borgata Finocchio, gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dai magistrati del Gruppo Antiviolenza della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, hanno arrestato Antonella Fauntleroy e sequestrato metadone e psicofarmaci.

La donna sarebbe la spacciatrice che ha procurato a Desirée la droga, anche nei giorni precedenti la sua morte. A indicarla sono stati diversi testimoni: sarebbe colei che ha "aiutato" Desirée a procurarsi e assumere driga all'interno dello stabile abbandonato di via Dei Lucani 22.

Secondo gli inquirenti era "pienamente consapevole della reale età della giovane vittima" e tra i disperati di via dei Lucani in molti avevano cercato di impedirle di cedere droga alla ragazza.

Desirée fu stroncata da una grave intossicazione acuta da sostanze stupefacenti e psicofarmaci, come stabilito dalle conclusioni dell'autopsia e degli esami tossicologici.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.