Bufera Expo, indagato il manager del Padiglione Italia

(AGI) - Roma  - Il commissario delegato per leInfrastrutture di Expo, Antonio Acerbo, e' indagato nell'ambitodell'indagine della Procura di Milano su  [...]

Bufera Expo, indagato il manager del Padiglione Italia
(AGI) - Roma, 17 set. - Il commissario delegato per leInfrastrutture di Expo, Antonio Acerbo, e' indagato nell'ambitodell'indagine della Procura di Milano su appalti relativiall'Expo. E' il procuratore Edmondo Bruti Liberati adannunciarlo in una nota. L'indagine, nella quale e' indagatoAcerbo, responsabile unico del padiglione Italia, e' quellasulla cosiddetta "cupola degli appalti". Inchiesta che avevaportato nei mesi scorsi, all'arresto, tra gli altri, dell'exparlamentare della Dc Gianstefano Frigerio, dell'ex Pci PrimoGreganti e dell'ex senatore del Pdl Luigi Grillo. I reaticontestati, sarebbero stati commessi a Milano "fino al 10luglio 2013". Per i pm di Milano, Acerbo, nelle sue vesti dipresidente della commissione aggiudicatrice degli appalti sulle"vie d'acqua", legati a Expo, avrebbe favorito con modalita'illecite l'imprenditore Giuseppe Maltauro. A 'incastrarlo'sarebbe stato proprio l'imprenditore Maltauro, che era statoarrestato nei mesi scorsi e che nei verbali aveva confermatopienamente il sistema della 'cupola degli appalti', cosi' comeera definita la 'squadra' che voleva pilotare, inquinare,gestire gli appalti relativi ad Expo e alla sanita' lombarda."La rappresentanza tecnica del Padiglione Italia e' semprestata quella dell'ingegner Acerbo e quindi questo puo' essereun problema", ha commentato il presidente dell'Autorita'nazionale anticorruzione Raffaele Cantone. "Questo e' un temache mi inquieta e mi preoccupa - ha aggiunto - e domani avro'un incontro ad Expo per capire quali sono le decisioni delladottoressa Bracco". Alla luce dell'avviso di garanzia adAcerbo, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, ne chiede ledimissioni. "Ritengo opportuno - ha detto il primo cittadino -che, per il bene di Expo, il commissario delegato AntonioAcerbo faccia un passo indietro. Da garantista sono consapevoleche siamo di fronte a un avviso di garanzia, non a un arresto ouna condanna, ma resta l'esigenza di salvaguardare lareputazione del nostro Paese, di Milano e di Expo. Ed e' perquesto che Acerbo per primo dovrebbe scegliere di fare un passoindietro". Intanto il legale di Acerbo, l'avvocato FedericoCecconi, ha fatto sapere che lo stesso Acerbo "ha manifestatol'intenzione di chiarire al piu' presto la sua estraneita'davanti ai pubblici ministeri", in modo "che non venga recatonessun pregiudizio al compimento della preziosa attivita' stasvolgendo per Expo". L'avvocato ha precisato che nell'avviso digaranzia recapitato oggi al manager "non si fa alcunriferimento a somme ed altre utilita' che sarebbero statepromesse o date da Maltauro ad Acerbo". (AGI).