Chi è Armando Spataro, il pm che ha bacchettato Salvini

Il procuratore capo di Torino ha affermato che il tweet di Salvini sul blitz contro la mafia nigeriana ha danneggiato l'operazione

armando spataro pm salvini

Armando Spataro, che ieri ha rimproverato Matteo Salvini per un tweet che annunciava un blitz contro la mafia nigeriana a operazione ancora in corso, è da 43 anni in magistratura ed è uno dei massimi esperti nella lotta al terrorismo. 

Il magistrato si è occupato nel corso della sua carriera di importantissime inchieste, tra cui quella sul sequestro dell'ex imam Abu Omar. Procuratore capo a Torino dal 30 giugno 2014, lascerà l'incarico per andare in pensione il 17 dicembre prossimo, il giorno successivo al compimento del suo settantesimo compleanno. 

In prima linea contro terrorismo e mafia

G​ran parte dei suoi anni in toga Spataro li ha passati alla procura di Milano: qui, in particolare, dalla fine degli anni Settanta si è occupato a tempo pieno delle indagini sul terrorismo rosso - tra cui quelle sulle Brigate Rosse, su Prima Linea e sull'omicidio Tobagi - e dalla fine degli anni Ottanta, anche di lotta alla criminalità organizzata, in particolare di inchieste sulla mafia calabrese e siciliana operanti nel nord Italia.

Dopo la parentesi di 4 anni (1998-2002) trascorsa al Csm come togato del Movimento per la Giustizia, Spataro è tornato alla procura di Milano, con il ruolo di aggiunto, dove con il collega Ferdinando Pomarici ha svolto le indagini sul caso Abu Omar.

In seguito, Spataro è stato capo della procura di Lodi e poi è passato alla guida dei pm torinesi. Per la sua specifica esperienza del settore del terrorismo, ha rappresentato spesso presso Eurojust a l'Aja i pubblici ministeri italiani che si occupano della materia.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it