Arezzo, falso cieco incassava indennita' da 30 anni

(AGI) - Roma - Era dal 1985 che G.G., pensionato diSansepolcro, incassava un'indennita' di accompagnamento percecita' assoluta di 850 euro mensili  [...]

(AGI) - Roma, 6 dic. - Era dal 1985 che G.G., pensionato diSansepolcro, incassava un'indennita' di accompagnamento percecita' assoluta di 850 euro mensili che non gli spettava. Asmascherarlo sono stati i finanzieri locali che, nel corso diappostamenti e pedinamenti, lo hanno filmato mentre si recava afare la spesa in un supermercato della cittadina in provinciadi Arezzo: a carico dell'uomo - che percepisce, oltreall'indennita' in questione anche la pensione di vecchiaia, diinvalidita' e una rendita vitalizia Inail - e' scattata lacontestazione di truffa aggravata ai danni dello Stato conl'accusa di aver percepito indebitamente nel corso degli annicirca 200mila euro. Le immagini riprese dai finanzieriritraggono l'anziano "mentre cammina evitando ostacoliravvicinati senza alcun ausilio o accompagnatore in un ambienteesterno non familiare, ovvero mentre sceglie con cura iprodotti da acquistare, osservandone l'etichettatura per poiriporli esattamente al loro posto nello scaffale". I successiviaccertamenti tecnici disposti dal procuratore della Repubblicadi Arezzo, Roberto Rossi, hanno confermato l'ipotesiaccusatoria della Guardia di finanza: il consulente tecnico delpm ha documentato che non si tratta di un caso di cecita'assoluta ma di un soggetto ipovedente. E la normativa vigente,nel prevedere i presupposti per le provvidenze a favore deiciechi civili, definisce cecita' "la totale mancanza dellavista o la mera percezione dell'ombra e della luce". Il Gip delTribunale di Arezzo, su istanza del pm, ha disposto ilsequestro preventivo di beni, denaro e titoli per l'equivalentedi 120mila euro, pari a quanto sequestrabile a seguitodell'entrata in vigore della legge numero 300 del 2000, checonsente la confisca di un valore pari al profitto o al prezzoconseguito attraverso l'illecito. L'operazione si e' cosi'conclusa nei giorni scorsi quando le fiamme gialle hannoeseguito il provvedimento del gip, sottoponendo a sequestropreventivo un'auto del valore di 14mila euro, denaro giacentesui conti correnti e titoli riconducibili all'indagato finoall'importo indicato. (AGI).