Alunni messinesi senza bus, 20 km a piedi per protesta

(AGI) - Messina, 12 ott. - Singolare protesta di 140 studentidi Capizzi, piccolo centro montano del messinese, che questamattina hanno percorso a piedi oltre 20 chilometri perraggiungere Nicosia (Enna) cittadina dove frequentano le scuolesuperiori. I ragazzi, che vogliono accendere i riflettori sucome il diritto allo studio non sia garantito in mole areeinterne, sono partiti all'alba e, in corteo, hanno percorso untratto della Strada provinciale Capizzi - bivio statale 120 epoi la statale 120 fino a Nicosia, sede dei licei e degliistituti superiori che frequentano. Il motivo della protesta,preceduta nei giorni

(AGI) - Messina, 12 ott. - Singolare protesta di 140 studentidi Capizzi, piccolo centro montano del messinese, che questamattina hanno percorso a piedi oltre 20 chilometri perraggiungere Nicosia (Enna) cittadina dove frequentano le scuolesuperiori. I ragazzi, che vogliono accendere i riflettori sucome il diritto allo studio non sia garantito in mole areeinterne, sono partiti all'alba e, in corteo, hanno percorso untratto della Strada provinciale Capizzi - bivio statale 120 epoi la statale 120 fino a Nicosia, sede dei licei e degliistituti superiori che frequentano. Il motivo della protesta,preceduta nei giorni scorsi da manifestazioni nel piccolocentro dei Nebrodi, scaturisce dalla mancata copertura da partedel Comune di Capizzi della quota per gli abbonanti con laInterbus, societa' di autolinee che effettua il servizio ditrasporto pubblico. Il Comune di Capizzi avrebbe accumulato uningente debito verso la societa', che ha comunicato di nongarantire piu' il trasporto degli studenti in convenzione. Glistudenti per usufruire dl servizio dovrebbero pagarsiinteramente il costo dell'abbonamento, che ammonta a circa 90euro al mese, somma che molte famiglie non possono sostenere,anche in considerazione del fatto che molti hanno anche duefigli che frequentano i licei a Nicosia. Gli studenti sonoarrivati a Nicosia intorno alle 10 e hanno proseguito laprotesta nella piazza principale della cittadina ennese. .