Allarme Gip Perugia: "progressiva 'mafizzazione' Umbria"

(AGI) - Roma, 10 dic. - L'Umbria e' "un territorio a tortoancora ritenuto da taluni 'isola felice' ed invece in via diprogressiva 'mafizzazione'". Lo scrive il Gip di Perugia,Alberto Avenoso, nell'ordinanza di custodia a carico degliindagati nell'operazione "Quarto passo"."L'associazione di tipo'ndranghetista stanziatasi in Perugia - sottolinea l'ordinanza- non puo' semplicisticamente essere definita comeun'articolazione periferica della struttura criminale calabresesorta e radicata nel territorio d'origine, ma si configurainvece come un'autonoma associazione composta da soggettiresidenti in Umbria da oltre un decennio, i quali, puravvalendosi dei metodi tipici delle associazioni di tipomafioso

(AGI) - Roma, 10 dic. - L'Umbria e' "un territorio a tortoancora ritenuto da taluni 'isola felice' ed invece in via diprogressiva 'mafizzazione'". Lo scrive il Gip di Perugia,Alberto Avenoso, nell'ordinanza di custodia a carico degliindagati nell'operazione "Quarto passo"."L'associazione di tipo'ndranghetista stanziatasi in Perugia - sottolinea l'ordinanza- non puo' semplicisticamente essere definita comeun'articolazione periferica della struttura criminale calabresesorta e radicata nel territorio d'origine, ma si configurainvece come un'autonoma associazione composta da soggettiresidenti in Umbria da oltre un decennio, i quali, puravvalendosi dei metodi tipici delle associazioni di tipomafioso e chiaramente conservando gli originari rapporti diparentela e contiguita' con soggetti operanti nella regione diprovenienza, operano autonomamente ed in via esclusiva inUmbria, conservando sempre un 'basso profilo' criminale, alfine di non attirare sull'organizzazione l'attenzione delleforze dell'ordine". (AGI)