Senegalese ucciso: Pirrone risponde al gip, "nessun razzismo"

Ha risposto alle domande del gip, Antonio Pirrone, l'uomo che lunedì ha ucciso il senegalese Idi Diene a Firenze, e ha escluso di aver agito per un movente razzista. Al giudice Alessandro Moneti, Pirrone ha raccontato anche di essere amico di alcuni senegalesi, con cui in passato ha lavorato, e ha sostenuto  - confermando la prima versione fornita al pm Giuseppe Ledda - di non ricordare bene cosa sia successo in quegli attimi sul ponte Vespucci, dove si era recato per togliersi la vita con la pistola. L'udienza di convalida dell'arresto è durata quasi due ore. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it