Mondo di Mezzo: terza tranche, chiesto giudizio per 23 imputati

Mondo di Mezzo: terza tranche, chiesto giudizio per 23 imputati

Ventitrè richieste di rinvio a giudizio e una condanna a 3 anni in abbreviato per un collaboratore del 'ras' delle cooperative Salvatore Buzzi: sono queste le richieste avanzate dal pm Luca Tescaroli nel procedimento, al vaglio del gup Monica Ciancio, che vede coinvolti funzionari, imprenditori ed esponenti politici trascinati per i loro rapporti con Buzzi nel terzo filone di indagine sul Mondo di Mezzo. Si tratta in buona parte di imputati già giudicati nel processo principale, quello che si è chiuso il 20 luglio scorso, anche se non mancano i nomi nuovi, come quello di Francesco D'Ausilio, ex capogruppo Pd in Campidoglio, e del suo capo segreteria Salvatore Calogero Nucera cui la Procura contestano i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio e finanziamento illecito: avrebbero "facilitato sul piano politico istituzionale l'aggiudicazione delle procedure negoziate indette dal Dipartimento Tutela Ambiente" spendendosi in "dieci procedure negoziate riservate alle cooperative sociali e riferite a 10 lotti", ottenendo in cambio nel 2014, "la promessa di corresponsione del 5% del valore dei lotti assegnati con le 10 procedure negoziate citate". E poi, avendo posto la loro funzione al servizio "dei soggetti economici riconducibili al gruppo di Buzzi", avrebbero ricevuto almeno 12240 euro, senza la deliberazione dell'organo sociale competente ne' l'iscrizione in bilancio". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it