L'Isis rivendica l'attentato di Liegi, "Herman è un nostro soldato"

L'Isis rivendica l'attentato di Liegi, "Herman è un nostro soldato" 

L'Isis ha rivendicato l'attacco terroristico di martedì nel centro di Liegi, in Belgio, costato la vita a quattro persone, tra cui due poliziotte. Il gruppo jihadista ha fatto sapere che Benjamin Herman, il 36enne ex detenuto che è stato poi ucciso dalla Polizia, "è un soldato dello Stato islamico". La rivendicazione è arrivata attraverso l'agenzia Amaq. Secondo gli inquirenti, Herman si sarebbe radicalizzato in carcere.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it