Gerusalemme: scontri dopo Trump, morto dodicesimo palestinese

Un altro palestinese, il dodicesimo, è morto in seguito agli scontri scatenati nei territori dalla decisione del presidente americano, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. E' un ragazzo, deceduto nove giorni dopo essere stato ferito a Gaza dal fuoco israeliano. Mohammad Sami al-Dahduh, 19 anni, di Gaza, fu colpito il 15 dicembre durante una manifestazione al confine israeliano.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it