Droga: 'mafia del Tiburtino', 39 arresti a Roma

Droga: 'mafia del Tiburtino', 39 arresti a Roma

Un'organizzazione di spacciatori di droga definita 'Cosa nostra tiburtina' è stata smantellata dai carabinieri di Roma che hanno eseguito 39 arresti, a vario titolo, per i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, armi ed estorsioni, aggravati dal metodo mafioso, e 46 provvedimenti di perquisizione. L'operazione antidroga ha riguardato “un’organizzazione dai connotati mafiosi – spiegano gli investigatori - dedita principalmente alla gestione del monopolio del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti, nell’area est della Capitale”. Tra gli arrestati ci sono anche sei donne. 

Circa 300 i Carabinieri del Comando provinciale di Roma, integrati dal Nucleo Elicotteri Carabinieri, dalle unità cinofile e da militari dell'8 Reggimento "Lazio", impegnati nell'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura capitolina.

Il blitz è l'esito di una lunga e complessa indagine, condotta dai Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Tivoli, avviata nel febbraio del 2016: gli investigatori, superando un inaspettato muro d'omertà, frutto della forza di intimidazione dell'organizzazione criminale che gestiva le piazze di spaccio di Tivoli e Guidonia, sono riusciti dapprima a sequestrare un chilo di cocaina a due giovani "spacciatori", e poi a dimostrare che entrambi erano "disciplinati 'soldati' di una più ampia organizzazione, che ha nel suo nucleo dirigente persone legate dal vincolo di sangue, ed inseriti in un'ampia rete criminale di tipo piramidale".

L'organizzazione si era imposta nell'area est della capitale attraverso una serie di aggressioni e pesanti minacce ai danni di pusher concorrenti e di acquirenti insolventi - in alcuni casi si giungeva a violenti pestaggi - esercitando un'azione di controllo del territorio con l'impiego di vedette.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it