Fare sesso penalizza o no la prestazione sportiva? Finalmente uno studio

Una ricerca prova a stabilire l'esistenza (o meno) di un nesso causale tra l'attività sessuale e il livello di intensità di una performace di un atleta. Ci sono le prime indicazioni

Fare sesso penalizza o no la prestazione sportiva? Finalmente uno studio
YouTube
Robert De Niro in 'Toro Scatenato' (1980)

L’idea che l’attività sessuale può influenzare le prestazioni atletiche è stata una questione molto dibattuta  negli ultimi decenni. Nonostante questo l'impatto dell’attività sessuale prima della competizione sportiva non è ancora chiaro, anche se gli studi sembrano in generale escludere un’azione diretta dell’attività sessuale su una prestazione fisica. Gran parte dei lavori effettuati su questo tema, hanno evidenziato la mancanza di un modello di ricerca di base per valutare in che modi gli indicatori fisici possono essere modificati in relazione ad una attività sessuale.

Per rispondere a questa mancanza è stata pubblicata sulla rivista scientifica Sexual Medicine una ricerca che ha voluto rintracciare dei criteri fisici da approfondire anche per  ricerche future su questo tema.  Le  misurazioni considerate sono: capacità di esercizio cardiorespiratorio, resistenza muscoloscheletrica, forza muscoloscheletrica e tempo di reazione, attraverso degli strumenti appositi. 

Sono state studiate 8 persone, 1 donna e 7 uomini, di età media 28 anni, in 3 situazioni differenti: no rapporti, no attività fisica; sessualmente e fisicamente attivo; astinente ma fisicamente attivo. Non sono emerse differenze significative nelle tre condizioni osservate, l’unica evidenza riportata è in relazione all’intensità dell’orgasmo, valore attribuito dai partecipanti.  

Maggiore è l’intensità riportata minore la pressione sistolica registrata la mattina successiva. Lo studio è ovviamente limitato, ma lo scopo principale degli studiosi era quello di definire uno schema di ricerca che possa aiutare altri colleghi a ripetere lo stesso studio e poter quindi confrontare i dati in maniera più coerente.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.