Il cambio di passo di papa Francesco

Bergoglio ha rimosso due cardinali (Pell e Muller) fedelissimi di Ratzinger. Cosa cambia per le riforme

Il cambio di passo di papa Francesco
Foto: ANDREAS SOLARO/AFP 
Parlando agli operai dell'Ilva di Genova, Papa Francesco ha detto che "chi pensa di risolvere licenziando la gente non è un buon imprenditore, è un commerciante: oggi vende la sua gente, domani la sua stessa dignità". Poi ha aggiunto: "Un imprenditore soffre se deve licenziare. E da questa sofferenza nascono spesso buone idee per limitare i licenziamenti".
Hanno in comune l'altezza superiore ai due metri e un fortissimo attaccamento alla linea di Joseph Ratzinger i due cardinali capo dicastero usciti di scena nel giro di pochi giorni: Geoge Pell, australiano, prefetto (ora congelato) della Segreteria per l'Economia, e il cardinale  Gerhard Ludwig Müller, prefetto (ora congedato) della Congregazione per la Dottrina della Fede. Due casi diversi, perchè il primo ha chiesto l'aspettativa per ragioni giudiziarie e il secondo è arrivato a scadenza del suo mandato. Ma che hanno in comune una tenace quanto silenziosa e a volte dissimulata opposizione alla linea di Papa Francesco. Bergoglio non li ha rimossi durante il Sinodo, quando hanno organizzato una fronda contro la comunione ai divorziati risposati. Ma i nodi sono arrivati ugualmente al pettine. E ora il  Pontificato e le sue riforme avranno una vita più facile.

Pell come Golia, battuto da un piccolo Davide

Pell aveva presentato l’anno scorso le sue dimissioni per ragioni di età avendo 76 anni ed appare del tutto improbabile che possa riprendere un giorno il suo posto in Vaticano, anche se ha dichiarato con spavalderia (un caratteristica poco evangelica, in effetti) che in Vaticano intende tornare. Avrò l’opportunità, ha spiegato, di “pulire il mio nome e tornare al mio lavoro a Roma”. Nella notte tra il 28 e il 29 giugno, però, a  caldo, davanti alle notizie arrivate dalla polizia australiana Pell aveva detto che non si sarebbe mosso da Roma se non autorizzato dal suo medico. "La Santa Sede - questo invece il comunicato ufficiale - ha appreso con rincrescimento la notizia del rinvio a giudizio in Australia del cardinale George Pell per imputazioni riferibili a fatti accaduti alcuni decenni orsono. Messo al corrente del provvedimento, il cardinale Pell, nel pieno rispetto delle leggi civili e riconoscendo l’importanza della propria partecipazione affinché il processo possa svolgersi in modo giusto e favorire così la ricerca della verità, ha deciso di far ritorno nel suo Paese per affrontare le accuse che gli sono state mosse. Il Santo Padre, informato di ciò dallo stesso cardinale Pell, gli ha concesso un periodo di congedo per potersi difendere. Durante l’assenza del Prefetto la Segreteria per l’Economia continuerà a svolgere i propri compiti istituzionali. I Segretari rimarranno in carica per il disbrigo degli affari ordinari, donec aliter provideatur". 
 
 
Convinto come tanti che la colpa è sempre dei giornalisti, congedandosi dai vaticanisti, i nella Sala Stampa della Santa Sede, il cardinale Pell ha criticato “le anticipazioni ai media” riguardo “alle indagini in corso ormai da due anni”. “Un accanimento - ha detto testualmente - senza tregua e per più di un mese dichiarazioni relative al fatto che la decisione sulle accuse sarebbe stata ‘imminente'”. “Adesso sono contento - ha confidato Pell  -che potrò difendermi nei tribunali”. I reati contestati a Pell sono almeno tre, uno dei quali riguarderebbe uno stupro. “Il cardinale Pell deve fronteggiare diverse accuse e contestazioni multiple”, ha riferito durante una conferenza stampa il vice commissario di polizia dello Stato australiano di Victoria, Shane Patton, precisando che nell’inchiesta sono state seguite le stesse procedure che vengono adottate nei casi di reati sessuali storici e che il cardinale “è stato trattato come ogni altro indagato”.
 
Secondo le accuse formulate, Pell avrebbe avuto comportamenti molesti e «poco appropriati» nei confronti di due ragazzini all’interno degli spogliatoi di una piscina frequentata dai giovani di una parrocchia della sua diocesi. Oggi le vittime quarantenni intervistate dalla tv australiana hanno raccontato, a distanza di decenni, come quell’episodio custodito nel silenzio sia stato un macigno, un trauma, un passaggio negativo e angosciante del loro percorso evolutivo. 
 
Molti vaticanisti hanno ricordato, nel commentare l'uscita di scena del cardinale australiano, le dimissioni di Libero Milone, il revisore generale dei conti che ha dato forfait in apparenza all'improvviso, anche se nel processo Vatileaks due era venuto  a galla un "giallo" che lo coinvolgeva, un'intrusione sospetta nei suoi pc (e pare nei suoi uffici). Ma l'allontanamento di Pell evoca anche un momento doloroso dell'anno scorso. “Peter Saunders prenderà un periodo di aspettativa dalla Commissione Pontificia per la Protezione dei minori”, si legge infatti nella comunicazione ufficiale dell’anno scorso che lascia però un alone di mistero sull’uscita di scena dell’attivista antipedofilia inglese e a sua volta vittima di abusi, seguita dalle dimissioni anche dell’altra rappresentante delle vittime, l’irlandese Mary Collins).
 
E oggi che a lasciare il Vaticano è il cardinale Pell viene spontaneo ricordare la vicenda che vide contrapposto Saunders (piccolo come Davide) al cardinale Pell (che lo guardava dall’alto del suo incarico prestigioso e dai 2 metri e passa di altezza) con Saunders che attaccava il cardinale dicendo che “si sta prendendo gioco della commissione contro gli abusi e del Papa stesso”. Saunders è una ex vittima di abusi da parte di un prete pedofilo e l’incompatibilità derivava dunque dal fatto che chi fa parte della Commissione non può essere autore di battaglie esterne anche se riguardanti lo stesso argomento. Insomma fu un licenziamento in tronco, come confermò l'interessato in una conferenza stampa, nella quale ha poi chiarito di non aver concordato nessuna aspettativa e di sentirsi appunto licenziato. “In Vaticano credono che il problema degli abusi sia alle spalle ma quanto sta avvenendo dimostra che non è affatto così”, ha affermato Saunders domandandosi perché si proclami la tolleranza zero e poi si tolleri la permanenza in incarichi di chi ha coperto e insabbiato.  

La faticosa gestione Muller delle inchieste di pedofilia

E poi erano arrivate le dimissioni di Marie Collins, l'altra vittima di stupro che Bergoglio aveva voluto nell'organismo, che se ne era andata sostenendo che in Curia non c’era abbastanza collaborazione con la Commissione creata dal Papa, in quanto “nessun vescovo è stato ufficialmente e in modo trasparente sanzionato o rimosso per la sua negligenza: se non è mancanza di norme, è mancanza di volontà?”. In merito, il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, lasciò capire di essere convinto che la donna aveva ragione. “Ci sono stati alcuni episodi - erano state le sue parole in merito alle dimissioni della Collins - che hanno portato la signora Marie Collins a questo passo. Per quello che io conosco, lei ha interpretato questi episodi così e ha sentito che l’unica maniera di reagire, forse anche per scuotere, era dare le dimissioni". Ebbene le proteste della Collins riguardavano direttamente la gestione Muller  dei processi per abusi sessuali, della cui scarsa trasparenza ed efficienza testimonia il caso del sacerdote di Crema,  don Maurto Inzoli, animatore del Banco Alimentare, prima "perdonato" e poi, finalmente, ridotto allo stato laicale (e c'è un caso analogo per il quale non c'è stato ancora il provvedimento nonostante una condanna penale del tribunale italiano, il prete che frequentava una 14enne nelle Marche ora è stato accolto generosamente da un vescovo del Nord). 
 

Certamente questa è una delle ragioni che hanno portato il Papa a non confermare Muller al termine del suo quinquennio alla guida della Congregazione della Dottrina della Fede dove lo aveva chiamato Benedetto XVI sei mesi prima di dimettersi. "Il Santo Padre Francesco - si legge nel comunicato vaticano - ha ringraziato l'Eminentissimo Signor Cardinalealla conclusione del suo mandato quinquennale di Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e di Presidente della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, della Pontificia Commissione Biblica e della Commissione Teologica Internazionale, ed ha chiamato a succedergli nei medesimi incarichi Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Luis Francisco Ladaria Ferrer, gesuita, Arcivescovo titolare di Tibica, finora Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede".

Muller ostile alla Amoris laetitia

Il cambio della guardia era nella logica delle cose. Il ruolo di prefetto della Fede è quello treoricamente più strategico per un Pontificato, e se il titolare "rema contro" le cose si fanno molto difficili come sperimentò San Giovanni XXIII all’epoca del Concilio Vaticano II, che l’allora prefetto Alfredo Ottaviani avversò in ogni modo,  Il Papa “chiamato quasi dalla fine del mondo” del resto ha ben presente l’incapacità romana di entrare in dialogo con le culture locali nelle quali il Vangelo deve incarnarsi, della quale il famoso processo di Ratzinger a Boff fu un esempio clamoroso. Tanto che era stata avanzata da “Noi siamo Chiesa” la proposta di una moratoria delle inchieste sui teologi in questo straordinario pontificato. 
 
Muller, che ha ben conosciuto i suoi esponenti e in particolare Gutierrez, tuttavia, stima la TdL, e il vero conflitto con Francesco si e’ verificato sui temi della pastorale familiare, che il Papa vuole rivolta anche alle coppie irregolari stabilendo in particolare la riammissione dei divorziati risposati ai sacramenti, mentre per il cardinale tedesco in pratica l’Amoris laetitia non ha modificato la dottrina anche se Francesco ha esplicitamente affermato il contrario. Evidentemente non può più essere lui il principale collaboratore del Papa in materia di teologia, morale e disciplina ecclesiale. E Muller, proprio come Pell,  non ha mai preso esplicitamente le distanze dai "dubia" espressi sul documento del Papa da 4 anziani cardinali.
 
A sostituirlo Papa Francesco ha chiamato un gesuita come lui, padre Ladaria storico e amato professore  di escatologia (cioè la teologia delle “cose ultime”, ovvero dell’al di là, il futuro che tutti ci attende) che ha mantenuto finora l’insegnamento alla Pontificia Università Gregoriana, dove risiede. Nominato come Muller da Benedetto XVI essendo gesuita è però fedele nell'obbedienza al Papa regnante come prescrive il quarto voto.