Nuovo test aumenta successo fecondazione in vitro

(AGI) - Londra, 20 ott. - Messo a punto un nuovo metodo discreening embrionale capace di aumentare le probabilita' di unadonna di mettere al mondo un figlio dopo un trattamento diprocreazione medicalmente assistita. Il test costa 200 sterline(poco piu' di 270 euro) e offre alle pazienti un prezioso aiutoper concepire con la fecondazione in vitro. Realizzato da ungruppo di ricercatori dell'Universita' di Oxford, potrebbeessere disponibile entro 6 mesi e aumentare fino all'80 percento le probabilita' di concepire con successo, equiparandolequasi alle probabilita' che una donna fertile della stessa eta'ha di

(AGI) - Londra, 20 ott. - Messo a punto un nuovo metodo discreening embrionale capace di aumentare le probabilita' di unadonna di mettere al mondo un figlio dopo un trattamento diprocreazione medicalmente assistita. Il test costa 200 sterline(poco piu' di 270 euro) e offre alle pazienti un prezioso aiutoper concepire con la fecondazione in vitro. Realizzato da ungruppo di ricercatori dell'Universita' di Oxford, potrebbeessere disponibile entro 6 mesi e aumentare fino all'80 percento le probabilita' di concepire con successo, equiparandolequasi alle probabilita' che una donna fertile della stessa eta'ha di concepire naturalmente. Il nuovo test, presentato inoccasione del meeting annuale dell'American Society forReproductive a Baltimora, lavora misurando i livelli anormalidi Dna mitocondriale negli embrioni prima dell'impianto. Questeinformazioni potrebbe essere un valido aiuto nella selezionedell'embrione da impiantare. Le cliniche degli Stati Uniti gia'utilizzano questa procedura e gli scienziati britannici hannochiesto l'autorizzazione alla Human Fertilisation andEmbryology Authority per utilizzarla in Gran Bretagna. Fino apoco tempo fa, i medici studiavano semplicemente gli embrionisotto a un microscopio nel tentativo di scegliere quello conmaggiori possibilita' di attecchire con successo. Ma i recentiprogressi hanno permesso di controllare i livelli cromosomici ele anomalie. Tuttavia, rimaneva sempre un 35 per cento diprobabilita' di fallire. Con il nuovo test, che effettuaanalisi piu' sofisticate dell'embrione, si riducono ancora dipiu' le probabilita' di fallimento.