MANIFESTAZIONI: ADDIO GUERRE DI CIFRE, ARRIVA IL CONTA-TESTE

MANIFESTAZIONI: ADDIO GUERRE DI CIFRE, ARRIVA IL CONTA-TESTE

Addio guerre di cifre sui partecipanti alle manifestazioni. Un sistema sperimentato in Spagna riesce a contare le teste con un margine di errore del 15% e riuscirebbe a mettere fine agli ormai consueti balletti di numeri sui cortei forniti dagli organizzatori e dalla polizia. Il "manifestometro" elaborato dal progetto Lynce, ha svelato, scrive "El Pais" citando il direttore Juan manuel Gutierrez, che sabato scorso in piazza a Madrid contro l'aborto e Zapatero c'erano 55.316 persone. Il che vuol dire che considerando il margine del 15% si sarebbe arrivati al massimo a sfiorare i 70mila. Numeri di gran lunga diversi dai 2 milioni di cui hanno parlato gli organizzatori, ma anche dai 250mila stimati dalla polizia. La Lynce assicura che l'analisi parte dall'elaborazione di immagini digitali ad altissima definizione catturate da diverse telecamere a cui viene applicato un programma informatico ad alta tecnologia che consente di contare una per una le teste presenti in piazza. L'azienda, che offre un ventaglio di opzioni a costi differenti in base alla stima "semplice", "premium" o "extra", promette in allegato ai risultati dell'indagine foto e tabelle che provino l'attendibilita' delle cifre calcolate. Il costo del servizio cresce se i "conta-teste" ricorrono a foto scattate dall'alto.

Ottobre 2009



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it