Jeans troppo stretti possono danneggiare muscoli e nervi

(AGI) - Londra, 23 giu. - I cosiddetti jeans skinny, ovvero ijeans attillatissimi, possono danneggiare la salute. Come e'successo a una 35enne australiana. Le gambe della donna,strette nei jeans, si sono cosi' gonfiate e indebolite che none' riuscita piu' a camminare. Ai medici del Royal AdelaideHospital, che hanno soccorso la paziente, non e' rimasto altroda fare che tagliare i jeans e intervenire. Il caso e' statodocumentato sul Journal of Neurology, Neurosurgery andPsychiatryl. La donna australiana ha indossato i jeans strettiper un'intera giornata, aiutando una parente a traslocare. Dopolunghe ore passate

(AGI) - Londra, 23 giu. - I cosiddetti jeans skinny, ovvero ijeans attillatissimi, possono danneggiare la salute. Come e'successo a una 35enne australiana. Le gambe della donna,strette nei jeans, si sono cosi' gonfiate e indebolite che none' riuscita piu' a camminare. Ai medici del Royal AdelaideHospital, che hanno soccorso la paziente, non e' rimasto altroda fare che tagliare i jeans e intervenire. Il caso e' statodocumentato sul Journal of Neurology, Neurosurgery andPsychiatryl. La donna australiana ha indossato i jeans strettiper un'intera giornata, aiutando una parente a traslocare. Dopolunghe ore passate a pulire e a sistemare casa, la sera avevaperso la sensibilita' delle gambe. Uscita a fare unapasseggiata, la donna e' caduta a terra e non e' riuscita piu'ad alzarsi. C'e' voluto tempo prima di riuscire a chiedereaiuto: la donna si e' trascinata letteralmente vicino a unastrada e ha fermato un taxi per andare in ospedale. La diagnosie' stata "sindrome da compressione, una condizione causatadall'aunento della pressione in un'area specifica del corpo. Ipolpacci della 35enne erano molto gonfi, i suoi piedi caldi pervia dell'afflusso di sangue, i suoi muscoli deboli e avevaperso la sensibilita'. In pratica i jeans hanno danneggiatomuscoli e nervi. Dopo 4 giorni attaccata alla flebo, la donnae' ritornata a camminare. Ma i medici hanno documentato il casoper portare alla luce un problema che potrebbe riguardaremoltissime altre "vittime della moda". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it