GOVERNO: LOMBARDO SCRIVE A MONTI, "ESISTE ANCHE UN PROBLEMA SUD"

(AGI) - Palermo, 12 nov. - "Nel momento in cui si accinge, suincarico del presidente della Repubblica, a formare il governo,a cui il gruppo del Movimento per l'autonomia dara' il suomodesto, ma convinto contributo nell'Aula della Camera e delSenato, mi permetto di segnalarle, come presidente di unaRegione del Sud, il problema di questa difficile area delpaese, che secondo me dovrebbe trovare un posto importantenella sua agenda. In controtendenza rispetto all'atteggiamentotenuto dai governi degli ultimi anni". Inizia cosi' la letterainviata dal presidente della Regione siciliana RaffaeleLombardo al senatore a vita Mario

(AGI) - Palermo, 12 nov. - "Nel momento in cui si accinge, suincarico del presidente della Repubblica, a formare il governo,a cui il gruppo del Movimento per l'autonomia dara' il suomodesto, ma convinto contributo nell'Aula della Camera e delSenato, mi permetto di segnalarle, come presidente di unaRegione del Sud, il problema di questa difficile area delpaese, che secondo me dovrebbe trovare un posto importantenella sua agenda. In controtendenza rispetto all'atteggiamentotenuto dai governi degli ultimi anni". Inizia cosi' la letterainviata dal presidente della Regione siciliana RaffaeleLombardo al senatore a vita Mario Monti. "Purtroppo - aggiunge- e' stato inoculato negli ultimi venti anni nelle vene degliitaliani un diffuso sentimento antimeridionale, che e'diventato il pretesto utilizzato da alcuni governi perpenalizzare il Sud, investendolo di slogan ed annunci, masottraendogli nei fatti risorse e speranza". Prosegue Lombardo:"Lei stesso ha affermato nei giorni scorsi che tra i tantiproblemi che si pongono con forza alla sua attenzione, c'e'anche quella delle disuguaglianze diventate negli ultimi tempiinsopportabili. Se cosi' e' non puo' sfuggirle che lacondizione in cui versa il Sud rappresenta il punto piu' altodelle disuguaglianze del nostro paese e dell'intera Europa". IlMezzogiorno e' oggi diventato il luogo "dove sembranoconcentrarsi molte cose negative, ma uno Stato che si rispettinon lascia al suo destino un pezzo di territorio, che hacontribuito con il suo lavoro a far diventare l'Italia unadelle nazioni piu' importanti del pianeta. Mi rendo conto cheil momento attuale e' il meno adatto ad affrontare temi distruttura, ma nel momento in cui si avvia a ricevere da partedel presidente della Repubblica, l'incarico di formare ungoverno in grado di meritarsi la fiducia dei mercati, insiemeall'augurio di buon lavoro, ho avvertito il bisogno diricordarle che esiste un problema Sud, che lasciato al suodestino puo' esplodere". (AGI)Mrg