Alcol: consumo moderato legato a aumento rischio fibrillazione

(AGI) - Washington, 15 lug. - Anche il consumo moderato di vinoe superalcolici puo' essere un fattore di rischio per lafibrillazione atriale, un'aritmia cardiaca che puo' portare aictus, insufficienza cardiaca e demenza. Almeno questo e'quanto emerso da uno studio pubblicato sul Journal of AmericanCollege of Cardiology che non ha individuato alcun legame conil consumo moderato di birra. Per arrivare a queste conclusioniun gruppo di ricercatori dell'Institute of EnvironmentalMedicine del Karolinska Institutet di Stoccolma (Svezia) hasottoposto un ampio questionario su cibo e consumo di alcol a79.016 adulti, di eta' compresa dai

Alcol: consumo moderato legato a aumento rischio fibrillazione
(AGI) - Washington, 15 lug. - Anche il consumo moderato di vinoe superalcolici puo' essere un fattore di rischio per lafibrillazione atriale, un'aritmia cardiaca che puo' portare aictus, insufficienza cardiaca e demenza. Almeno questo e'quanto emerso da uno studio pubblicato sul Journal of AmericanCollege of Cardiology che non ha individuato alcun legame conil consumo moderato di birra. Per arrivare a queste conclusioniun gruppo di ricercatori dell'Institute of EnvironmentalMedicine del Karolinska Institutet di Stoccolma (Svezia) hasottoposto un ampio questionario su cibo e consumo di alcol a79.016 adulti, di eta' compresa dai 45 agli 83 anni. I soggettisono stati poi seguiti per 12 anni e 7.245 soggetti hannosviluppato una fibrillazione atriale. I risultati hannoconfermato un'associazione tra il consumo elevato di alcol(piu' di tre bicchieri al giorno) e un aumentato rischio difibrillazione atriale. Non solo. Lo studio svedese ha mostratoun aumento del rischio di fibrillazione atriale anche con unconsumo moderato (3 bicchieri al giorno) di vino e liquori. Iricercatori hanno anche condotto una meta-analisicomplementare, combinando i risultati di sei studi simili.L'analisi completa ha riguardato un totale di 12.554 casi difibrillazione atriale. La meta-analisi, che non ha preso inconsiderazione la distinzione tra i tipi di alcolici, hamostrato un aumento del rischio di fibrillazione atriale dell'8per cento con ogni bevanda alcolica consumata in piu' algiorno. (AGI)-