ITALIA 150: NAPOLITANO, E' L'EUROPA LA NOSTRA FORZA MIGLIORE

(AGI) - Roma, 7 apr. - "Una Unione Europea maggiormenteintegrata all'interno di uno scenario multipolare rappresentaunpunto di forza per i singoli Stati membri ed e' la migliorgaranzia della continuita' nazionale in un mondo globalizzato". Lo ha affermato il presidente della Repubblica, GiorgioNapolitano, aprendo il al Seminario "L'Italia in Europa.L'Italia e la Danimarca" organizzato dall'Accademiadi Danimarca in occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia. "All'alba del nuovo millennio - ha proseguito il Capo delloStato - dobbiamo confrontarci con sfide vecchie e nuove: crisieconomico-finanziaria, disastri naturali, sconvolgimentipolitici che scaturiscono dall'intento di porre fine

(AGI) - Roma, 7 apr. - "Una Unione Europea maggiormenteintegrata all'interno di uno scenario multipolare rappresentaunpunto di forza per i singoli Stati membri ed e' la migliorgaranzia della continuita' nazionale in un mondo globalizzato". Lo ha affermato il presidente della Repubblica, GiorgioNapolitano, aprendo il al Seminario "L'Italia in Europa.L'Italia e la Danimarca" organizzato dall'Accademiadi Danimarca in occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia. "All'alba del nuovo millennio - ha proseguito il Capo delloStato - dobbiamo confrontarci con sfide vecchie e nuove: crisieconomico-finanziaria, disastri naturali, sconvolgimentipolitici che scaturiscono dall'intento di porre fine a regimichiusi e vere e proprie tirannie. La semplicistica visionesecondo cui la globalizzazione sarebbe inevitabilmente sfociatadovunque in lineare e idilliaco progresso non e' corretta, manemmeno lo e' la tesi opposta, quella del fallimento dellaglobalizzazione. In realta', un mondo sempre piu' complesso habisogno di una governance rinnovata e articolata". Il presidente Napolitano nel suo intervento ha ricordatoche Italia e Danimarca hanno avuto "percorsi paralleli" neldopoguerra "con un forte denominatore comune nelmultilateralismo". Anche se nell'approccio all'integrazioneeuropea il cammino dei due paesi e' stato "diseguale" nei tempie nei modi. La Danimarca, infatti, ha aderito alla Ue nel 1973e ancora oggi non ha aderito all'Euro. Ma per il Capo delloStato "l'integrazione europea non deve temere ne' il dibattitone' lo scrutinio della societa' civile". Sono esigenze "chevanno rispettate purche' non ostacolino il camino piu' speditodi altri. Ci ritroveremo poi all'arrivo, nell'evoluzionecomplessiva dell'integrazione". (AGI)