VIETNAM, HO CHI MINH: APRE IL NUOVO CONSOLATO GENERALE ITALIANO

(VELINO) Roma, 23 Set - "Il consolato generale nasce dallavolonta' di elevare e rafforzare la presenza istituzionale inloco per aiutare le nostre imprese a consolidare le loroattivita' e per presidiare il mercato, individuando anche nuoveopportunita' commerciali e di investimento a favore di aziendenon ancora presenti". Lo ha spiegato a Pei News il consolegenerale italiano a Ho Chi Minh City, Carlotta Colli,commentando l'apertura della nuova sede diplomatica. C'e'"grande interesse e grande impegno a rafforzare la cooperazionecon il Vietnam, in particolare con Ho Chi Minh City, il cuorecommerciale e finanziario del Paese,

(VELINO) Roma, 23 Set - "Il consolato generale nasce dallavolonta' di elevare e rafforzare la presenza istituzionale inloco per aiutare le nostre imprese a consolidare le loroattivita' e per presidiare il mercato, individuando anche nuoveopportunita' commerciali e di investimento a favore di aziendenon ancora presenti". Lo ha spiegato a Pei News il consolegenerale italiano a Ho Chi Minh City, Carlotta Colli,commentando l'apertura della nuova sede diplomatica. C'e'"grande interesse e grande impegno a rafforzare la cooperazionecon il Vietnam, in particolare con Ho Chi Minh City, il cuorecommerciale e finanziario del Paese, una delle nuove 'economiadi frontiera', che ha registrato negli ultimi anni unacrescente attenzione da parte delle imprese italiane, moltedelle quali hanno stabilito investimenti produttivi, ad Ho ChiMinh City e nella Provincia di Binh Duong - ha proseguito ildiplomatico -. A questa presenza si aggiungono lemanifestazioni di interesse che riceviamo ogni giorno dapiccole e medie imprese che guardano al mercato vietnamita". Inquesto scenario, "l'emissione dei visti di ingresso perl'Italia direttamente ad Ho Chi Minh City - penso inparticolare quelli per affari - sara' un volano per lacooperazione economica, contribuendo ad avvicinare ancora dipiu' i due Paesi. Infine, non va dimenticato che ad ognipresenza economica corrisponde lo sviluppo di una comunita' diconnazionali residenti, cui e' importante poter assicurare nonsolo piena assistenza in situazioni di emergenza, ma anchel'erogazione di servizi consolari in loco. La comunita'italiana della circoscrizione consolare conta ad oggi 350iscritti Aire e un numero crescente di presenze temporanee". Il consolato si propone anche di "facilitare e aumentare ilrilascio di visti di ingresso per affari e turismo a cittadinivietnamiti, a sostegno dell'interscambio commerciale e in vistadell'appuntamento di EXPO Milano 2015". Infine "il consolatolavorera' per essere un punto di riferimento per i ragazzi eragazze vietnamiti che nutrono interesse per l'Italia e per lanostra cultura; in particolare per gli studenti deldipartimento di Lingua e cultura italiana della citta', con cuistiamo gia' ragionando sull'organizzazione di attivita'complementari ai loro studi. In sintesi - ha concluso Colli -faremo un'azione capillare che concili obiettivi di crescitaeconomica con e attraverso l'offerta culturale". vel.