REGIONS FORUM: DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER IL 'PATTO DELL'ACQUA'

(AGI) - Milano, 29 set. - Attivita' di ricerca congiunte, lacostruzione di un segretariato tecnico, gruppi di studio cheelaborino nuovi modelli di governance. Sono alcuni deglistrumenti attraverso i quali le delegazioni intervenute alRegions forum in corso presso il Centro congressi di Milanointendono aprire la strada per arrivare a un vero e proprio'patto dell'acqua'. La scarsita' economica dell'acqua - silegge nella dichiarazione congiunta emessa dalle delegazioni altermine di uno dei workshop di oggi, dedicato alle risorseidriche - richiede una nuova politica gestionale che parta alivello regionale. Il ruolo dei governi regionali

(AGI) - Milano, 29 set. - Attivita' di ricerca congiunte, lacostruzione di un segretariato tecnico, gruppi di studio cheelaborino nuovi modelli di governance. Sono alcuni deglistrumenti attraverso i quali le delegazioni intervenute alRegions forum in corso presso il Centro congressi di Milanointendono aprire la strada per arrivare a un vero e proprio'patto dell'acqua'. La scarsita' economica dell'acqua - silegge nella dichiarazione congiunta emessa dalle delegazioni altermine di uno dei workshop di oggi, dedicato alle risorseidriche - richiede una nuova politica gestionale che parta alivello regionale. Il ruolo dei governi regionali in quest'ambito e' crucialeperche' sono responsabili della programmazione e dellapianificazione delle politiche per la protezione, l'utilizzo elo sfruttamento delle risorse idriche - si legge nel documento- e rappresentano il livello di autorita' piu' adatto adassicurare la partecipazione, il dialogo ed il negoziato tra ivari soggetti coinvolti, soprattutto a livello locale, e adagire come un collegamento forte e flessibile tra i soggettilocali e nazionali e le comunita' internazionali. I governiregionali hanno inoltre sottolineato la necessita' diaffrontare la questione idrica non solo dal punto di vistaeconomico, ma anche dal punto di vista della sostenibilita'ambientale, viste le forti implicazioni per la salute umana. Gli obiettivi identificati dalle delegazioni sono, tra glialtri, l'apertura di un dibattito sulle politiche idriche,l'elaborazione di nuovi strumenti normativi e di mediazione peril loro utilizzo, la promozione di attivita' di ricercacongiunte e la condivisione di informazioni, al fine disviluppare degli indicatori che possano essere utilizzati perstilare gli obiettivi del futuro patto dell'acqua. Perraggiungere questi obiettivi le delegazioni porteranno avantiun lavoro congiunto che passi attraverso attivita' di ricerca,divulgazione e formazione che verrebbero monitorate da unsegretariato tecnico del forum che si riunisca almeno una voltaall'anno. (AGI) Rme/Mom