MELONI E VAN DE SFROOS PROGETTO SU 'GIOVANI E RIBELLI'

(AGI) - Sanremo, 17 feb. - Parlavano dialetti diversi, avevanoun sogno in comune. Partendo da questo, arriva una nuovainiziativa del programma 'Gioventu' Ribelle' del ministero perle Politiche giovanili dedicato al 150esimo anniversariodell'Unita' d'Italia. Si tratta di 'Giovani e Ribelli', un tourteatrale che attraversera' tutta la penisola per descrivere legesta dei giovani protagonisti del Risorgimento, la lorosolidarieta', insieme alla bellezza delle citta' da cuiprovenivano. Un lungo viaggio, con animatore Davide Van deSfroos, che grazie alla musica regionale rendera' possibileraccontare l'Italia attraverso le patrie diffuse che lacompongono e la arricchiscono. Che cosa e' stato ilRisorgimento? O meglio, la Rivoluzione italiana. La lucidafollia di una generazione, il suo sacrificio. Il progettointende svolgere - spiega un comunicato del dicastero direttoda Giorgia Meloni - un "percorso narrativo in sei atti, capacedi catturare l'attenzione dei giovani italiani di oggi, e nonsolo. U

MELONI E VAN DE SFROOS PROGETTO SU 'GIOVANI E RIBELLI'

(AGI) - Sanremo, 17 feb. - Parlavano dialetti diversi, avevanoun sogno in comune. Partendo da questo, arriva una nuovainiziativa del programma 'Gioventu' Ribelle' del ministero perle Politiche giovanili dedicato al 150esimo anniversariodell'Unita' d'Italia. Si tratta di 'Giovani e Ribelli', un tourteatrale che attraversera' tutta la penisola per descrivere legesta dei giovani protagonisti del Risorgimento, la lorosolidarieta', insieme alla bellezza delle citta' da cuiprovenivano. Un lungo viaggio, con animatore Davide Van deSfroos, che grazie alla musica regionale rendera' possibileraccontare l'Italia attraverso le patrie diffuse che lacompongono e la arricchiscono. Che cosa e' stato ilRisorgimento? O meglio, la Rivoluzione italiana. La lucidafollia di una generazione, il suo sacrificio. Il progettointende svolgere - spiega un comunicato del dicastero direttoda Giorgia Meloni - un "percorso narrativo in sei atti, capacedi catturare l'attenzione dei giovani italiani di oggi, e nonsolo. Utilizzando la musica regionale come collante di unaidentita' sola, ma diffusa e ricca di sfumature differenti.L'obiettivo generale e' quello di promuovere la conoscenza delRisorgimento e della generazione che lo incarno', facendo inmodo che risulti piacevole ma che, nello stesso tempo, sia ingrado di comunicare contenuti culturali, rigorosamentescientifici, con un approccio semplice e immediato, calandosisul territorio, coinvolgendo giovani attori locali, provenientidalle compagnie teatrali delle citta' ospitanti". Sei sono lecitta' coinvolte nel progetto: Genova, Udine, Ancona, Lecce,Marsala e Cagliari. In ognuna di queste, a partire dallaseconda meta' di aprile, si terranno quattro spettacoli algiorno per 5 giorni la settimana, per un totale di oltre 90repliche e una durata complessiva di circa sei settimane. Inogni citta' viene allestito un palcoscenico in un teatrocentrale. Nel foyer troveranno spazio otto stazioni espositive,che proiettano ognuna un videoclip della durata di 2 o 3 minutirelativo ad un tema specifico, ed otto interventi 'live' delteam di attori, della durata di 10 minuti circa per ogni tema. L'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano si e'occupato di curare i testi e la regia delle rappresentazioni. Sono stati individuati 8 temi sui quali si muovera' lamanifestazione: 1.Carcere e Memorie - Piero Maroncelli e SilvioPellico; 2.La Rivoluzione Giovane - I 5 fratelli Cairoli;3.Utopia, Rivoluzione e Unita' - Carlo Pisacane; 4.Donne nelRisorgimento - Cristina Trivulzio Belgioioso; 5.Fratelli inArmi - Fratelli Bandiera; 6.Gli Studenti in Guerra -Battaglione Universitario; 7.Musica e Poesia tricolore - Mameli; 8.La Guerra Sporca - Felice Orsini. La musica sara'veicolo d'interazione, scambio e arricchimento. In quantoespressione artistica di un territorio, sara' elementocomunicativo volto alla valorizzazione della lingua e delleculture locali, parti integranti ed origine della nazioneitaliana. "Per questo abbiamo programmato - dice ancora ilcomunicato del ministero - un cartellone musicale con stili esonorita' differenti per ogni regione, ma con un unico comunedenominatore: l'uso della musica e del linguaggio artisticocome espressione dell'identita' nazionale. Le esibizioni deimusicisti sono inserite all'interno delle rappresentazioniteatrali". Il direttore artistico della manifestazione e'appunto il cantautore folk Davide Van De Sfroos. I musicistisono Paolo Bonfanti, che si esibira' a Genova, mentre a Udinesuonera' Luigi Maieron. In programma ad Ancona l'esibizione deiVincanto. I Nidi D'Arac suoneranno a Lecce e I Beddi a Marsala.A Cagliari ci sara' l'esibizione dei Carovana Folk. Il progetto"Giovani e ribelli" e' realizzato in collaborazione con RsiGroup, Consel Divisione Eventi e l'Istituto per la Storia delRisorgimento Italiano. (AGI)