'TRE DONNE', UN CORTO DI MUCCINO CONTRO CANCRO

(AGI) - Roma, 26 ott. - 'Tre donne', un cortometraggio direttoda Gabriele Muccino, che racconta la storia di tre donneaffette da cancro e del loro percorso verso la guarigione,sara' proiettato durante la presentazione della mostrafotografica 'Eroine di tutti i giorni' nell'ambito delleRisonanze della quinta edizione del Festival Internazionale delFilm di Roma. "C'e' ancora grande paura e resistenza a parlaredei tumori, per questo ho deciso di dare il mio contributo -spiega il regista -. Sono contento che anche il FestivalInternazionale del Film di Roma dia spazio a una materia cosi'importante". L'evento

'TRE DONNE', UN CORTO DI MUCCINO CONTRO CANCRO

(AGI) - Roma, 26 ott. - 'Tre donne', un cortometraggio direttoda Gabriele Muccino, che racconta la storia di tre donneaffette da cancro e del loro percorso verso la guarigione,sara' proiettato durante la presentazione della mostrafotografica 'Eroine di tutti i giorni' nell'ambito delleRisonanze della quinta edizione del Festival Internazionale delFilm di Roma. "C'e' ancora grande paura e resistenza a parlaredei tumori, per questo ho deciso di dare il mio contributo -spiega il regista -. Sono contento che anche il FestivalInternazionale del Film di Roma dia spazio a una materia cosi'importante". L'evento si terra' il 29 ottobre dalle 15 alle16.30 presso il Teatro Studio Auditorium Parco della Musica. Lamostra fotografica, curata dall'Associazione Libreriadell'Anima e ideata da Maria Rosaria De Luca, si terra' pressoil Chiostro del Bramante dal 30 ottobre all'8 dicembre. Sarannoesposti quindici ritratti di donne realizzati dal fotografoClaudio Porcarelli e ogni ritratto sara' raccontato in un librodal titolo: 'C'era una volta il cancro'. Quindici giornalistehanno accettato di narrare la storia di queste donne che con laloro storia sono diventate esempio e motivo di speranza pertante donne che stanno seguendo un percorso di cura. La mostravuole quindi anche essere un veicolo per educare ogni donnaalla prevenzione. (AGI)Red/Cau



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it