Libia: media, accordo per governo unitario al massimo tra 48 ore

(AGI) - Tripoli, 21 set. - L'accordo tra i due governilibici contrapposti per la formazione di un esecutivounitario, nell'ambito del dialogo in corso a Skheirat, inMarocco, avverra' al massimo tra 48 ore. Secondo quantoriferiscono fonti libiche presenti nella localita' turisticamarocchina al sito informativo libico al Wasat, sono incorso intense trattative tra le parti per arrivare ad undocumento che metta tutti d'accordo. Domenica sera l'inviato dell'Onu, Bernardino Leon, si e'incontrato con la delegazione del Congresso nazionale libico diTripoli, con i delegati degli indipendenti e infine con quellidel parlamento di Tobruk per

(AGI) - Tripoli, 21 set. - L'accordo tra i due governilibici contrapposti per la formazione di un esecutivounitario, nell'ambito del dialogo in corso a Skheirat, inMarocco, avverra' al massimo tra 48 ore. Secondo quantoriferiscono fonti libiche presenti nella localita' turisticamarocchina al sito informativo libico al Wasat, sono incorso intense trattative tra le parti per arrivare ad undocumento che metta tutti d'accordo. Domenica sera l'inviato dell'Onu, Bernardino Leon, si e'incontrato con la delegazione del Congresso nazionale libico diTripoli, con i delegati degli indipendenti e infine con quellidel parlamento di Tobruk per arrivare ad un testo definitivodell'accordo. Leon ha gia' avuto i nomi dei candidati per ilgoverno unitario da parte del parlamento di Tobruk mentresta trovando resistenze da parte dei membri del Congressi aottenere la loro lista dei candidati. Tuttavia, un deputato del parlamento libico di Tobruk,Younes Fannush, ha definito "sbagliato e stupido" il dialogo incorso in Marocco tra i suoi delegati e quelli del Congresso diTripoli. Intervistato dal sito libico Akhbar Libya 24, Fannush haaffermato che "e' sbagliato dialogare con i golpisti eterroristi, con chi sostiene le bande terroriste presenti inLibia. Non possiamo dialogare con chi combatte contro il nostroesercito a Bengasi e a Derna". In particolare il politicocritica "la posizione di Bernardino Leon, inviato dell'Onu, ilquale condanna le violenze di Bengasi senza dire che labattaglia in corso in quella citta' e' emblematica dellasituazione del Paese". (AGI).