Libia: Emergency apre ospedale chirurgia di guerra a Gernada

(AGI) - Roma, 14 ott. - Nuovo centro chirurgico di Emergencyper la cura delle vittime di guerra. L'associazione umanitariaguidata da Gino Strada ha aperto un ospedale a Gernada, inLibia. Oltre a curare le vittime della guerra, lo staff sioccupera' anche della formazione del personale locale edell'organizzazione delle attivita' fino al raggiungimentodell'autonomia operativa. Presso il Centro lo Emergency lavorainsieme allo staff locale messo a disposizione dal ministerodella Sanita'. L'intervento dell'associazione umanitaria e'stato richiesto quattro mesi fa dal ministero della Sanita' delgoverno di Tobruk, di stanza ad Al-Bayda, per garantireassistenza ai

(AGI) - Roma, 14 ott. - Nuovo centro chirurgico di Emergencyper la cura delle vittime di guerra. L'associazione umanitariaguidata da Gino Strada ha aperto un ospedale a Gernada, inLibia. Oltre a curare le vittime della guerra, lo staff sioccupera' anche della formazione del personale locale edell'organizzazione delle attivita' fino al raggiungimentodell'autonomia operativa. Presso il Centro lo Emergency lavorainsieme allo staff locale messo a disposizione dal ministerodella Sanita'. L'intervento dell'associazione umanitaria e'stato richiesto quattro mesi fa dal ministero della Sanita' delgoverno di Tobruk, di stanza ad Al-Bayda, per garantireassistenza ai feriti dei combattimenti nelle zone di Bengasi eDerna tra milizie dell'Isis e forze governative. Secondo l'Oms,sarebbero circa 20mila i feriti in Libia negli ultimi mesi. "Laguerra in Libia iniziata nel 2011 - spiegano a Emergency - hadanneggiato gravemente il sistema sanitario del Paese: ovunquemancano le risorse e il personale necessario a offrireassistenza di base e specialistica, anche per le fasce piu'vulnerabili della popolazione, come i bambini. Con l'inizio delconflitto, il personale sanitario straniero,fondamentale per ilfunzionamento del sistema sanitario, ha lasciato il Paesementre la maggior parte della classe medica e' fuggita o e'stata allontanata dai propri incarichi. La riduzionedell'esportazione di petrolio e il crollo del sistemafinanziario hanno avuto un effetto devastante sull'economia delPaese e hanno portato a una drastica riduzione dei fondidisponibili per la sanita'. Il progressivo deterioramento dellecondizioni di sicurezza, inoltre, impedisce l'accesso alle curealla popolazione soprattutto nelle aree di Bengasi, Derna,Zintane e Kikla". Il ministero della Sanita' del governo diTobruck lo scorso giugno ha messo a disposizione di Emergencyuna struttura ospedaliera nel villaggio di Gernada, a circa 70km da Derna e 150 Km da Bengasi. Lo staff dell'organizzazioneumanitaria ha attrezzato la struttura e l'ha adeguata aglistandard di Emergency: oggi l'ospedale e' costituito da duesale operatorie, una sala X-ray, una terapia intensiva, unlaboratorio, il pronto soccorso e 18 posti letto per ilricovero dei feriti. Per mantenere la sua posizione neutrale,come in tutti i suoi progetti, nei mesi scorsi Emergency avevaavviato contatti con le autorita' di Zintane e Misurata allequali ha fornito scorte di medicinali come da loro richiesta.(AGI)